Festival di Cannes: annunciati i titoli dei corti e Cinéfondation

Il Festival di Cannes ha annuciato i titoli in concorso per la sezione cortometraggi e la lista per la Cinéfondation.

 

Nella sezione cortometraggi è presente l'italiano A passo d'uomo di Giovanni Aloi, in lizza con altri 9 film selezionati tra ben 3450 partecipanti. Protagonista è un padre separato e in cassa integrazione dall'azianda Ilva di Genova che, costretto a vivere in macchina, cerca di regalare al figlio Leo una (forse) ultima domenica di festa.

 

Anche nella selezione de la Cinéfondation c'è un film italiano, Lievito Madre del giovanissimo (classe 1991) Fulvio Risuleo, dal Centro sperimentale di Cinematografia. Concorrerà con altri 16 titoli scelti tra 1631.

I tre premi della Cinéfondation, presieduta da Abbas Kiarostami, saranno consegnati giovedì 22 maggio durante la cerimonia di premiazione nella Salle Buñuel. La Palma d’oro al miglior cortometraggio sarà annunciata sabato 24 maggio in concomitanza ai lungometraggi vincitori del concorso.

 

La Lista delle due selezioni:

 

CORTOMETRAGGI

 

Giovanni ALOI – A PASSO D’UOMO (Italia, 14′)


Ran HUANG – THE ADMINISTRATION OF GLORY (Cina, 15′)
Dea KULUMBEGASHVILI – UKHILAVI SIVRTSEEBI (Georgia, 10′)
Sato MASIKO, Ohara TAKAYOSHI, Seki YUTARO, Toyota MASAYUKI, Hirase KENTARO – HAPPO-EN (Giappone, 13′)
Simón MESA – SOTO LEIDI (Colombia / Inghilterra, 15′)
Sergey PIKALOV – SONUNCU (Azerbaigian, 15′)
Petra SZ?CS – A KIVEGZES (Ungheria / Romania, 14′)
Clément TREHIN-LALANNE – AÏSSA (Francia, 8′)
Laura WANDEL – LES CORPS ÉTRANGERS (Belgio, 15′)
Hallvar WITZØ – JA VI ELSKER (Norvegia, 15′)

 

CINÉFONDATION

 

Max CHAN – OUR BLOOD (Hampshire College, USA, 25′)
Pierre CLENET, Alejandro DIAZ, Romain MAZEVET, Stéphane PACCOLAT – HOME SWEET HOME (Supinfocom Arles, Francia, 10′)
Omar EL ZOHAIRY – THE AFTERMATH OF THE INAUGURATION OF THE PUBLIC TOILET AT KILOMETER 375 (High Cinema Institute, Academy of Arts, Egitto, 18′)
Reinaldo Marcus GREEN – STONE CARS (NYU Tisch School of the Arts, USA, 14′)
HAN Fengyu – LAST TRIP HOME (Ngee Ann Polytechnic, Singapore, 25′)
Meryll HARDT – UNE VIE RADIEUSE (Le Fresnoy, Francia, 17′)
Chie HAYAKAWA – NIAGARA (ENBU Seminar, Giappone, 27′)
Atsuko HIRAYANAGI – OH LUCY! (NYU Tisch School of the Arts Asia, Singapore, 21′)
Inbar HORESH – THE VISIT (Minshar for Art, School and Center, Israele, 27′)
Stefan IVAN?I? – LETO BEZ MESECA (Faculty of Dramatic Arts, Serbia, 31′)
Daisy JACOBS – THE BIGGER PICTURE (National Film and Television School, Inghilterra, 7′)
György Mór KÁRPÁTI – PROVINCIA (University of Theatre and Film Arts, Ungheria, 21′)
KWON Hyun-ju – SOOM (Chung-Ang University, Corea del sud, 33′)
Léa MYSIUS – LES OISEAUX-TONNERRE (La Fémis, Francia, 22′)
Fulvio RISULEO – LIEVITO MADRE (Centro Sperimentale di Cinematografia, Italia, 17′)
Annie SILVERSTEIN – SKUNK (The University of Texas at Austin, USA, 16′)

(m.t.s. )