Mark Boal e Paul Greengrass su Assange?

Julian Assange ritratto da Jenny Morgan (sinistra) e Daniel Gordon (destra). In senso orario, Paul Greengrass e Mark BoalAlla lista dei nomi interessati a portare su grande schermo la vita di Julian Assange e la vicenda di Wikileaks si aggiungono Mark Boal, sceneggiatore di The Hurt Locker di Kathryn Bigelow (con la quale collabora anche per due nuovi film, un thriller ancora senza titolo e Triple Frontier) e Paul Greengrass, regista dei primi due film della trilogia di Jason Bourne.

 

Mark Boal sarebbe coinvolto come sceneggiatore o produttore (forse entrambi) in un film basato su un avvincente articolo di un giornalista del New York Times che si sofferma sul rapporto tra Assange e la stampa – in particolare il Times, il Guardian e Der Spiegel. Si tratta di un progetto di Annapurna Productions e Management 360. Paul Greengrass potrebbe invece realizzare come regista un film tratto dall'autobiografia di Assange.

I diritti della biografia The Most Dangerous Man in the World, dell'australiano Andrew Fowler, erano già stati opzionati da Barry Josephson e Michelle Krumm, mentre Alex Gibney (Enron, Gonzo: The Life and Work of Dr. Hunter S. Thompson, Taxi to the dark side) ha  recentemente dichiarato di avere in cantiere un documentario su Assange per Universal. (m.p.)