RIFF – Rome Independent Film Festival XVIII

Dal 15 al 22 novembre si tiene la XVIII edizione del RIFF – Rome Independent Film Festival, diretto da Fabrizio Ferrari, al Nuovo Cinema Aquila al Pigneto con eventi, incontri e proiezioni.

Tra i documentari in concorso Dave Grusin Not Enough Time di Barbara Bentree che narra la carriera del compositore Dave Grusin, autore di più di cento colonne sonore. La regista sarà presente al festival. Tra gli altri documentari, Peter Lindbergh – Women Stories di Jean Michel Vecchiet sul celebre fotografo di moda Peter Lindbergh. Il pioniere indiscusso di un nuovo modo di fotografare la moda senza ritocchi ed eccessivi artefici.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

----------------------------------------------------------------

The World according to Amazon è il documentario sulla carriera di Jeff Bezos il fondatore, presidente e amministratore delegato dell’omonimo colosso dell’e-commerce.

Tra i cortometraggi in concorso: Daughter di Daria Kashcheeva, Toomas Beneath the Valley of the Wild Wolves di Chintis Lundgren e Butterflies in Berlin di Monica Manganelli.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------

Quest’anno al RIFF sono previste anche due Masterclass: una sulle colonne sonore tenuta da Stefano Ratchev e l’altra “Mostrare l’invisibile” con Andrea Maguolo, sul montaggio.

Tra gli eventi speciali: Il nuovo cinema ucraino: la realtà che ispira con 6 film di giovani registi ucraini, che rappresentano la diversità nei temi, nei mezzi espressivi, nella sperimentazione, nei generi e nelle storie raccontate sul grande schermo. Tra i titoli Pryputni di Arkadiy Nepytaliuk (2017) una commedia drammatica dove il soggetto criminale balla con la quotidianità di un piccolo paese ucraino. My father is my mother’s brother di Vadim Ilkov (2018) il doc che è una toccante storia di famiglia e di ispirazione creativa nella vita e nell’arte. A seguire Desaturated di Marina Stepanska, Mia donna di Pavel Ostrikov (2018) e Sensiz di Nariman Aliev (2016) .

Non mancherà il Focus LGBT – Love & Pride Day – Il valore della diversità per sensibilizzare il pubblico a queste tematiche. Il 19 novembre, durante una maratona in anteprima italiana saranno presentati: Tremors di Jayro Bustamante (Guatemala/Francia/Lussemburgo), Madame di Stéphane Riethauser (Svizzera), Miserere di Francisco Rios Flores (Argentina), Mr. Dimitris and Mrs. Dimitroula di Tzeli Hadjidmitriou (Grecia), Un uomo deve essere forte di Elsi Perino & Ilaria Ciavattini (Italia).

Torna anche il Focus Spagna – L’animazione Valenciana in cui il Cortoons Gandia Festival e l’IVAC, Istituto Valenciano di Cultura, presentano una proiezione speciale dedicata ai cortometraggi di animazione realizzati nella Comunitá Valenciana. 

Altri panel attesi sono L’eccezione Culturale e i nuovi profili di produttore indipendente in collaborazione con CNA Cinema e Audiovisivo Roma dedicato agli operatori del settore: si discuterà dell’Industria Culturale come principale rigeneratore dell’economia italiana ed europea e dell’eccezione culturale e del nuovo profilo di produttore indipendente in Italia e in Europa con l’avvento delle OTT.

L’occhio del cinema – il pitching un pitching fra produttori, distributori e i giovani talenti finalisti per la sezione sceneggiature del RIFF. Il focus sul pitching vuole essere un momento di confronto concreto su come presentare in maniera efficace un progetto all’industria internazionale cinematografica.

Inoltre da venerdì 15 nel foyer del Nuovo Cinema Aquila sarà esposta l’installazione di Adele Ceraudo dal titolo “Io non sono pazza” un ’frammento’ di una esperienza, sotto forma di installazione artistica, con la proiezione del corto Io non sono pazza di Duccio Forzano.