"Riparo – Anis tra noi", di Marco S. Puccioni

Puccioni gira con stile essenziale, asciutto, efficace e diretto, anche nei momenti di maggiore drammaticità, senza malizia nelle scene di sesso lesbico né facile sensazionalismo nella vicenda di Anis, giovane immigrato irregolare. A conti fatti, il film italiano in concorso all’8° Festival di Lecce. Il regista riprende tutto con stile essenziale, asciutto, efficace e diretto, anche nei momenti di maggiore drammaticità, senza malizia nelle scene di sesso, né facile sensazionalismo

--------------------------------------------------------------
MASTERCLASS DI REGIA ONLINE CON MIMMO CALOPRESTI DAL 5 MARZO

--------------------------------------------------------------

II film di Puccioni utilizza come punto di partenza per la sua riflessione una situazione, quella dell’immigrazione clandestina e di tutte le problematiche conseguenti come l’integrazione o la discriminazione etnica e razziale, che sembra toccare da vicino le sensibilità di molti giovani registi, come la Marina Spada del bel Come l’ombra visto il settembre scorso a Venezia e la Kathryn Ahlrichs dello splendido Sieh zu daß Land gewinnst [Vedi di guadagnare terreno] passato all’ultimo Bergamo Film Meeting. In tutti questi film lo ‘scontro’ con la situazione degli immigrati è a conti fatti un pretesto: e infatti Puccioni ‘infiltra’ teoremianamente il suo ‘personaggio-elemento-estraneo’ Anis (interpretato con sorprendete bravura dal non-professionista Mounir Quadi, quasi digiuno di italiano), adolescente marocchino entrato in Italia da Tunisi nascondendosi nel bagagliaio dell’auto delle ragazze al ritorno da una vacanza, nella vita della coppia lesbica costituita da Maria De Medeiros e Antonia Liskova, entrambe impegnate in una prova attoriale davvero strepitosa: la Liskova, soprattutto, è alle prese con una figura di donna forte, introversa e determinata, che non ci sta a farsi mantenere economicamente dalla compagna che è anche la sua datrice di lavoro, possedendo la fabbrica di scarpe in cui è operaia, e che soprattutto reagisce con forza alla strana voglia di ‘normalità borghese’ che prende all’altra donna quando inizia a trattare come fosse figlio loro il giovane Anis, al quale per un periodo le due hanno deciso di offrire nella casa che condividono un tetto sotto cui vivere in Italia. Il tutto nella cornice ‘operaia’ della città di Udine, tra i magazzini di scarico delle merci in fabbrica, in cui ritroviamo anche il Vitaliano Trevisan di Primo amore, e le uggiose mattinate del Nord: Puccioni riprende tutto con stile essenziale, asciutto, efficace e diretto, anche nei momenti di maggiore drammaticità, senza malizia nelle scene di sesso, né facile sensazionalismo nella vicenda del giovane immigrato irregolare. “Ho tentato una rappresentazione che fosse rispettosa dell’umanità dei personaggi e dell’ambiguità della realtà”, ha dichiarato il regista, “rinunciando ad un linguaggio più complesso pur di mettere a proprio agio lo spettatore e farlo avvicinare il più possibile all’intimità dei personaggi”. E ci lascia con il finale aperto, sospeso, come una frontiera che cade, una disperata corsa verso la libertà. 

--------------------------------------------------------------
40% DI SCONTO, IL 29 FEBBRAIO! UN’OFFERTA CHE ARRIVA SOLO OGNI 4 ANNI! COGLIETE L’ATTIMO.

--------------------------------------------------------------

 

Regia: Marco S. Puccioni

Interpreti: Maria de Medeiros, Antonia Liskova, Mounir Ouadi, Vitaliano Trevisan

Distribuzione: Movimento Film

Durata: 100’

Origine: Italia/Francia, 2007

 

Articoli correlati:

Recensione di Quello che cerchi

 

----------------------------
CORSO DI SCENEGGIATURA CON FRANCO FERRINI, DAL 12 MARZO!

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative