Roma 2015, la festa del cinema tra retrospettiva Pixar e film di qualità

La Festa Del Cinema di Roma 2015 si svolgerà dal 16 al 24 ottobre tra importanti retrospettive e 37 opere nella sezione ufficiale che esploreranno diversi generi

-----------------------------------------------------------
NOVITA’ – CORSO ONLINE TEORIA DELLA SCENEGGIATURA


-----------------------------------------------------------
Si è svolto oggi l’incontro di presentazione della 10° edizione della Festa del Cinema di Roma che si svolgerà dal 16 al 24 ottobre. Un punto cardine di questo evento è sicuramente la grande tessitura e l’apertura alla città con iniziative che possano andare oltre l’evento e la piattaforma. Tutto questo è stato possibile anche attraverso un processo di valorizzazione delle grandi arene, in un percorso che oscilla tra “spregiudicata giovinezza e ostinata memoria”. Il cuore di questa iniziativa verrà rappresentato dal cinema Aquila e dal cinema Avorio.
La Presidente della Fondazione Cinema per Roma Piera Detassis ha voluto istituire il Premio Virna Lisi che verrà assegnato l’8 novembre all’attrice italiana più apprezzata dell’anno e ciò farà da tempo tra la Festa del Cinema e il Fiction Film Fest.
Stando alle parole del Direttore Artistico Antonio Monda, quest’anno “non sarà più un festival ma una festa dove ogni film e ogni opera saranno celebrati come essenza della condivisione cinematografica. Abbiamo voluto togliere il senso di celebrazione”
L’organizzazione della Festa del Cinema è partita da tre parole chiave: Discontinuità, varietà (di proposte, origine, genere etc.) e qualità. virna-lisi
La manifestazione si svolgerà in base a tre fasce della stessa importanza.
Da un lato avremo le Retrospettive, come quella dedicata a Pablo Larrain, Antonio Pietrangeli e i film della Pixar. Interessanti gli Incontri Ravvicinati. Ogni sera ci sarà almeno un incontro con un grande del cinema come Joel Coen, Jude Law, Paolo Sorrentino, Renzo Piano, Wes Anderson, Riccardo Muti, Paolo Villaggio, in occasione del restauro di Fantozzi, Carlo Verdone e Paola Cortellesi.
Per quanto riguarda i film, saranno 37 e tra i registi spiccano Paul Thomas Anderson con Junun, Gianni Amelio con il documentario Registro di Classe, Robert Zemeckis con The Walk, Truth di James Vanderbilt dedicato al mondo del giornalismo. Presenti nella selezione ufficiale anche la seconda stagione di Fargo e Fauda, serie israeliana di successo. Grande attesa per i tre film italiani di Gabriele Mainetti Lo chiamavano jeeg robot, il dramma Alaska di Claudio Cupellini e la nuova commedia di Sergio Rubini Dobbiamo parlare.
Ci sarà spazio per gli omaggi a Pier Paolo Pasolini curato da Mario Sesti, quello ai fratelli Ttaviani con il restauro di un episodio di Caos, a Francesco Rosi, Stanley Kubrick, Luis Bunuel, Ingrid Bergman ed Ettore Scola. Per l’occasione sarà restaurata l’opera La Terrazza. Imperdibile il documentario Hitchcock/Truffaut nato dal famoso dialogo tra i due registi.
Anche la sigla del festival vuole mostrare una grande discontinuità col passato visto che è basata su sette scene di festa di altrettanti film.
La Festa del Cinema di Roma 2015, continua ancora Monda, vuole essere un evento in cui si celebra l’essenza stessa dello spettacolo cinematografico, quello che si fa al buio nella sala e anche per questo il red carpet sarà ridimensionato: “Non abbiamo scelto i film in base alle star che potessero sfilare sul tappeto rosso ma solo in base alla qualità dell’opera”.
Eliminata la giuria, a scegliere sarà il pubblico.
L’appuntamento con la Festa del Cinema è dal 16 al 24 ottobre.
--------------------------------------------------------------
Sentieriselvaggi21st #11: JONAS CARPIGNANO La nuova frontiera del cinema italiano

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative