Se mi lasci non vale. Incontro con Vincenzo Salemme e il cast

Vincenzo Salemme ha presentato a Roma la sua ultima commedia Se mi lasci non vale, che racconta le imprese burrascose di Paolo (Paolo Calabresi) e Vincenzo (Vincenzo Salemme), appena lasciati dalle proprie compagne e pronti a vendicarsi con la stessa moneta. I due amici decidono infatti di far innamorare l’uno la ex dell’altro per poi lasciare le donne in lacrime, così come è successo a loro. Ad aiutarli il sedicente attore teatrale Alberto, interpretato da uno straordinario Carlo Buccirosso, che si improvvisa autista e uomo d’affari per assecondare la loro surreale messa in scena. A presentare il film, insieme a Vincenzo Salemme, era presente a Roma il cast al completo con Carlo Buccirosso, Paolo Calabresi, Serena Autieri, e Tosca D’Aquino

carlo buccirosso in se mi lasci non valeEd è proprio ai suoi interpreti che Salemme ha evitato di “dare intonazioni agli attori”. Tosca D’Aquino ha dichiarato infatti che Salemme, allo stesso tempo interprete e regista del film “sapeva esattamente ciò che voleva sul set e aveva perfettamente in mente tutti i personaggi, che dovevano affrontare l’amore e l’amicizia in modo credibile e senza estremismi nella recitazione, senza rinunciare alla comicità”. E lo stesso vale per i suoi compagni di viaggio. Carlo Buccirosso, reduce da anni di lavoro al fianco di Salemme, e Paolo Calabresi, che da romano temeva di essere fuori posto in un contesto così caratterizzato dalla comicità napoletana, ma che è riuscito a toccare corde fortemente comiche e dolcemente romantiche. “Il mio personaggio è un outsider, una meteora in un mondo di comicità consolidata, – ha ammesso Calabresi – e temevo il confronto con Buccirosso, che domina sempre la scena, ma la parte mi ha colpito sin dalla prima lettura e sono stato felice di interpretare questo ruolo”.

paolo calabresi e vincenzo salemme in se mi lasci non valeSe mi lasci non vale rappresenta una novità nella carriera da regista di Vincenzo Salemme perché non è lui a firmare la sceneggiatura, che invece nasce da un’idea di Paolo Genovese e Martino Coli. Tuttavia, come ha dichiarato lui stesso, questa collaborazione ha giovato molto al film: “L’esperienza mi ha insegnato che le idee più forti e innovative riescono meglio a teatro, mentre quelle più semplici funzionano meglio al cinema. Questo film ne è un esempio. Nasce da un intreccio semplice, e da una serie di vicende in cui gli spettatori possono immedesimarsi facilmente, ma è proprio questo che lo fa funzionare, che lo rende una commedia brillante ma credibile. Anche se il merito va soprattutto agli attori strepitosi che lo hanno interpretato, che con la loro ironia sono stati capaci di regalare al pubblico una storia d’amore e di amicizia delicata e vincente”. Il film uscirà in sala il prossimo 21 gennaio distribuito da Warner Bros. Italia.