STAR WARS COUNTDOWN – I fan film

Nell’ambito del fandom relativo al mondo del cinema, dei fumetti e dei videogiochi, uno dei fenomeni più singolari tra quelli emersi negli ultimi anni è certamente quello dei fan film (o fan movies). Opere audiovisive realizzate da appassionati (professionisti o meno), spesso autofinanziate o prodotte attraverso campagne di crowdfunding, aventi per protagonisti i personaggi delle saghe più amate. Un fenomeno in rapida ascesa, al punto che le maggiori case di produzione hanno deciso di non ostacolare questi progetti e di non rivendicare alcun diritto d’autore, a condizione che si tratti sempre e comunque di opere prive di scopo di lucro: tutti i fan film sono infatti disponibili gratuitamente su internet o, in alcuni casi, su supporti digitali ugualmente gratuiti. Si tratta generalmente di cortometraggi o di mediometraggi (più raramente di lungometraggi), in ogni caso realizzati previa autorizzazione dei detentori dei personaggi originali. Tra i più famosi, Batman: Dead End di Sandy Collora (2003) e Predator: Dark Ages di James Bushe (2015), ma ricordiamo anche l’esperimento italiano Vittima degli eventi di Claudio Di Biagio, basato sul personaggio di Dylan Dog e presentato addirittura al Festival di Roma nel 2014.

Non potevano ovviamente mancare i fan film di Star Wars, al punto che è stato addirittura istituito un festival interamente dedicato ad essi, The Official Star Wars Fan Film Awards, patrocinato dalla stessa Lucasfilm. Per farsi un’idea della mole immensa di titoli realizzati negli ultimi anni, è sufficiente andare su Theforce.net e guardare questo elenco. Vale la pena però ricordare l’importante risultato tutto italiano della saga di Dark Resurrection, progetto scritto e diretto da Angelo Licata (fondatore dello storico sito Guerrestellari.net) e composto finora da Dark Resurrection- Volume 1 (2007) e il prequel Dark Resurrection – Volume 0 (2011). Attualmente è in corso la raccolta fondi per la post-produzione di Dark Resurrection – Volume 2, le cui riprese hanno visto la collaborazione di nomi come Fausto Brizzi, Marco Martani e Gianmarco Tognazzi.

Guarda Dark Resurrection – Volume 1

Guarda Dark Resurrection – Volume 0

Sito ufficiale