The Builder e New Jerusalem. Ritratti di un'America lo-fi

 New Jerusalem (2010), di R. Alverson. Con Will Oldham e Colm O'Leary.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

Se rimosso, visibile anche sul sito ufficiale

The Builder (2010), di R. Alverson. Con Colm O'Leary.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Se rimosso, visibile anche sul sito ufficiale

 

 

Qualcosa di forte e importante lega cinema e musica della scena indipendente americana. Protagonisti di un candore e una durezza alla Dardenne,New Jerusalem (2010) di R. Alverson, con Will Oldham e Colm O'Leary spesso in viaggio tra natura contemplativa e solitudine metropolitana, realismo e poesia, proletariato allo sbando, impotenza di fronte all'assurdità del nostro mondo attraversano come saette i film di una generazione di interpreti come Kelly Reichardt e Rick Alverson, già chitarrista e songwriter (Spokane), ora regista.

Tra 2009 e 2010 ha diretto due lungometraggi: l'esordio The Builder, che vanta una colonna sonora firmata da nomi eccellenti quali Spokane, Pan American, Bon Iver, Gregor Samsa, Robert Donne e New Jerusalem, interpretato dall'indiscusso re del folk dagli anni '90 a oggi "Bonnie Prince Billy" Will Oldham.Tra i numi tutelari di Alverson, John Cassavetes: per lui Una moglie è un vero e proprio horror.

È la storica etichetta americana Jagjaguwar a presentare The Builder, storia di un carpentiere irlandese che emigra dal Queens tra le montagne Catskills, a nord di New York, e si trova ad affrontare la distanza tra "l'idea di una cosa e la cosa stessa". Il protagonista Colm O’Leary fa i conti con i suoi debiti, le sue aspettative tradite e una inspiegabile stanchezza che non va via. Così come cresce il suo baratro, cresce l'impotenza di fronte alla snervante ambiguità del mondo che lo circonda.

The Builder (2010, di Rick Alverson, con Colm O'LearyColm O’Leary ritorna nel secondo film di Alverson, New Jerusalem, sempre nei panni di un immigrato irlandese, questa volta di ritorno dall'Afghanistan in preda a dolore e caos, affiancato dal cantautore di Louisville Will Oldham (già protagonista per Kelly Reichardt in Old Joy, compare anche in Wendy & Lucy) nei panni di Ike, che tenta la salvezza dell'amico attraverso la fede evangelica. Ritratti di un'America desolata che sembrano uscire da L'angelo sul tetto, il libro di racconti di Russell Banks.

Se non bastasse, contemporaneamente al rilascio di The Builder la Jagjaguwar ha preparato anche una foundtrack, Music for The Builder, che propone canzoni inedite, nuove versioni e demo di Califone, Luke Temple e Sam Amidon: di quest'ultimo si può già ascoltare Cabin in the Corner, versione fedele di un canto tradizionale irlandese che sintetizza lo spirito del film.

The Builder (acquistabile in dvd dal 27 luglio sul sito di Jagjaguwar) e New Jerusalem (che sarà presentato in vari festival) sono prodotti da The Made Bed.