The Man Who Cried, di Sally Potter

Titolo originale: he Man Who Cried

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------
Regia: Sally Potter
Sceneggiatura: Sally Potter
Fotografia: Sacha Vierny
Montaggio: Hervè Schneid
Musica: Osvaldo Golijov
Scenografia: Carlos Conti
Costumi: Lindy Hemming
Interpreti: Christina Ricci (Suzie), Cate Blanchett (Lola), John Turturro (Dante Dominio), Johnny Depp (Cesar), Harry Dean Stanton (Felix Perlman), Oleg Yankovskiy (il padre di Suzie), Claudia Lander-Duke (Suzie bambina).
Produzione: Christopher Sheppard, Tim Bevan, Eric Fellner, Simona Benzakein per Adventure Pictures/Working Title/PIE
Distribuzione: BIM
Durata: 97 minuti.
Origine: Gran Bretagna/Francia, 2000

I personaggi vuoti di The Man Who Cried non riescono a riempire un film che non ha storia e non ha spessore. Il solito misterioso Johnny Deep e una Christina Ricci più pacata e modesta; un Turturro bravo ed arrogante, una fotografia scura come l’interiorità, che non viene mai illuminata o esternata, di personaggi senza anima che si incrociano, sfiorandosi solamente, sullo sfondo di un periodo storico che avvicina – e allontana – chi appartiene alle minoranze. Una guerra che impone discriminazioni razziali spinge i diversi a lottare o a scappare, ed è per questo che le strade di uno zingaro e di una ebrea si dividono, soprattutto se la missione di lei è ritrovare il padre in America e il principio morale di lui si racchiude nella frase “se una donna non sta con suo marito deve stare con suo padre”.
Sally Potter è riuscita a fare un film peggiore, ancor meno profondo, diLezioni di tango, nonostante la presunzione, questa volta, di raccontare la sofferenza degli uomini che erano costretti a nasconderla. Un uomo che piange, lo stesso, apre e chiude il film; la fine di una ricerca ed il termine del viaggio di una ragazza che nel cammino ha perso amante e amici ma ha ritrovato suo padre, morente e con una nuova famiglia.

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------