Visions du Réel 2021: il programma Industry

Si svolgerà online dal 14 al 22 aprile e sarà presieduto da una giuria internazionale che annovera anche due nomi italiani

Dal 14 al 22 aprile 2021 si svolgeranno le attività Industry di Visions du Réel. Il festival di Nyon quest’anno si sposta online, conservando però la possibilità di alcune proiezioni in loco, se le misure sanitarie lo permetteranno. Una selezione di 29 progetti destinati a tre diverse categorie: la sezione Pitching, forum internazionale di coproduzione e finanziamento, la sezione Work in Progress, volta a offrire opportunità di distribuzione, iscrizione ai Festival e fondi per la post produzione e, infine, il Rough Cut Lab, un workshop rivolto ai documentari in fase di montaggio che necessitano di feedback e consigli per essere completati al meglio. La manifestazione dedicata al cinema documentario anche quest’anno affianca ai lavori di registi affermati le opere prime di giovani esordienti, unendo film provenienti da 32 paesi diversi che spaziano dagli Stati Uniti, all’Est Europa, dall’Africa al Sud America, toccando Iran, Israele, India e Cina. L’Industry Awards, che quest’anno prevede tre nuovi premi in denaro, verrà consegnato da una giuria internazionale composta da Roberto Olla, direttore esecutivo di Eurimage, il regista Roberto Minervini e la curatrice artistica Rasha Salti, Commissioning Editor per La Lucarne, Arte France.

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------

Di seguito il programma completo:

VdR-Pitching

#TimesUp Kyrgyzstan – Leigh Labobucci – Svizzera

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------

Aana – Anna Eborn, Oscar Hedin, Åsa Ekman – Svezia

But Dear Lord Why? – Rati Tsiteladze – Georgia

Egypt, a Love Song – Iris Zaki – Israele, Stati Uniti

Facing Darkness – Jean-Gabriel Périot – Francia, Bosnia and Herzegovina

King Coal – Elaine McMillion Sheldon – Stati Uniti

Life After Siham – Namir Abdel Messeh – Francia

Looking for the Words – Joel Stängle – Colombia

Malqueridas – Tana Gilbert – Cile

Our Money – Hercli Bundi – Svizzera

Science Fiction – Ezequiel Yanco – Argentina

The Last Year of Darkness – Ben Mullinkosson – Cina, Stati Uniti

The Prince of Nanawa – Clarisa Navas – Argentina, Paraguay

The Vanishing – Rama Thiaw – Senegal, Francia

The Wolves Always Come at Night – Gabrielle Brady – Germania, Australia, Mongolia

Yoga Village – Rongfei Guo – Cina

VdR-Work in Progress

About Everything There is to Know – Sofía Velázquez – Perù

Another Spring – Mladen Kovačević – Serbia

Blue Island – Tze Woon Chan – Hong Kong SAR, Cina, Giappone

Flickering Lights – Anupama Srinivasan, Anirban Dutta – India

The Home – Jessie Zinn, Chase Musslewhite – Sudafrica, Stati Uniti

The Story of Looking – Mark Cousins – Regno Unito

Transfariana – Joris Lachaise – Francia

Under Open Skies – Charlie Petersmann – Svizzera

We, students! – Rafiki Fariala – Repubblica Centraficana, Francia, Repubblica Democratica del Congo

VdR-Rough Cut Lab

I Will Be There Every Single Night – Tati Franklin, Suellen Vasconcelos – Brasile

Silent Beauty – Jasmin Lopez – Stati Uniti, Messico

Silent House – Farnaz Jurabchian, Mohammadreza Jurabchian – Iran, Filippine

Taamaden – Seydou Cissé – Francia, Camerun, Belgio, Sudafrica

 

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #8