Werner Herzog tra Gorbaciov e Bruce Chatwin

Nomad: in The Footsteps of Bruce Chatwin, il documentario diretto da Werner Herzog, è dedicato ad uno degli scrittori più brillanti del XX secolo, con cui da sempre ha condiviso le proprie ispirazioni. Il film verrà proiettato alla 14/ma edizione della Festa del Cinema di Roma.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
Il viaggio di Herzog dalla Patagonia all’Australia sino al Regno Unito è lo stesso che Chatwin ha intrapreso nel ‘900 per ispirare i suoi romanzi. Legati da una profonda amicizia, i due artisti negli anni si sono influenzati a vicenda. Nel 1987 usciva Cobra Verde, il film tratto dal romanzo Il viceré di Ouidah.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
---------------------------------------------------------------

Durante il viaggio che il regista percorre sulle tracce di Chatwin, tiene sempre uno zaino in spalla: è quello che Bruce aveva portato con sé per anni: il custode di tutti i suoi incontri e di tutti i suoi ricordi. Lo stesso zaino che gli aveva donato mentre l’AIDS lo stava riducendo in fin di vita.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------

«Bruce era uno scrittore unico» ha spiegato Herzog. «Ha trasformato racconti mitici in viaggi della mente. Avevamo degli spiriti affini, lui come scrittore, io come regista. Volevo realizzare un film che non fosse una biografia tradizionale ma con una serie di incontri ispirati dai viaggi e dalle idee di Bruce».
Il documentario è proprio dedicato alla sua infinita voglia di non fermarsi mai, la stessa che Herzog condivide tutt’ora.

Il regista, infatti, non si limita ad un solo titolo. Herzog incontra Gorbaciov è il suo secondo documentario in uscita, dove l’ultimo presidente dell’Unione sovietica e premio Nobel per la pace, Mikhail Gorbaciov, racconta gli anni che rivoluzionarono il corso del Novecento – dalla firma degli accordi sul disarmo nucleare alla fine della Guerra fredda e il crollo dell’Urss. L’ex capo dello Stato sovietico, oggi 88enne, ripercorre insieme al cineasta tedesco i momenti più importanti della sua vita politica (1985-1991) e privata, in quello che può essere definito un suo testamento morale ed esistenziale. Complicità e umorismo, uniti all’abilità di Herzog di scavare negli angoli della vita di Gorbaciov, contribuiscono a proporre uno sguardo inedito sulla storia del ‘900.
La distribuzione di Herzog incontra Gorbaciov, da parte di I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection, è prevista nelle sale italiane dal 3 al 6 novembre.

Nel 2019, Werner Herzog ha anche portato a Cannes il suo film di finzione Family Romance, LCC, girato in Giappone.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"