40° Laceno d’Oro – fino al 30 settembre

Laceno d’Oro Film Festival 40
Proiezioni, mostre, workshop, concerti e sperimentazioni
tra Avellino e provincia

Tra gli ospiti Alberto Fasulo, Daniele Gaglianone,Eleonora Danco, Teho Teardo,Giovanni Cioni, Francesco Clerici, Fulvio Risuleo, Luca Ferri

Premio al produttore a Valerio De Paolis (Cinema)

Omaggio ‘cult’ notturno a Wes Craven

40° Laceno d’Oro – dal 14 al 30 settembre – www.lacenodoro.it

Oltre 40 proiezioni, tra film, documentari e animazione, insieme a mostre, workshop, premi, concerti, e sperimentazione. Dopo l’anteprima d’agosto con il premio alla carriera ad Abel Ferrara, prende il via la 40esima edizione del Laceno d’Oro (dal 14 al 30 settembre 2015), lo storico festival di Avellino fondato nel 1959 sotto il nume tutelaredi Pier Paolo Pasolini, che da quest’anno coinvolge e valorizza anche alcuni dei borghi più belli della provincia.
La manifestazione, organizzata dal Comune di Avellino e dall’Associazione ImmaginAzione con il contributo dellaRegione Campania, diretta da Antonio Spagnuolo, con la collaborazione della rivista cinematografica Sentieri Selvaggi, vedrà la presenza di molti protagonisti dell’ultima stagione, come Daniele Gaglianone, Alberto Fasulo, Eleonora Danco, Francesco Clerici, Giovanni Cioni, Fulvio Risuleo, Bonifacio Angius, Antonietta De Lillo.

Un cartellone ricco di eventi impreziosito dall’omaggio al grande Wes Craven, il padre di Freddy Krueger, recentemente scomparso, con la maratona notturna dedicata a Nightmare: sabato 26 settembre saranno riproposti agli appassionati Dal profondo della notte, I guerrieri del sogno, Nuovo Incubo.
Sugli schermi del Laceno d’Oro si alterneranno per quindici giorni film e autori, a cominciare da Storie sospese di Stefano Chiantini, presentato all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, che aprirà ufficialmente il programma. A seguire, tra gli altri, Alfredo Bini, ospite inatteso, documentario di Simone Isola sul grande produttore legato a Pasolini, New York di Alfonso Perugini, N-capace di Eleonora Danco, Abacuc di Luca Ferri, il docu Sull’anarchia di Bruno Bigoni, Io tengo la posizione di Filippo Biagianti, Perfidia di Bonifacio Angius, Un consiglio a Dio di Sandro Dionisio, Nous/Autres e In purgatorio, doppio appuntamento della serata dedicata ai documentari di Giovanni Cioni. E ancora Il gesto delle mani di Francesco Clerici (premio Fipresci a Berlino 2015), Container 158 un docufilm di Stefano Liberti ed Enrico Parenti, I frutti del lavoro cortometraggio di Andrea D’Ambrosio, Varicella di Fulvio Risuleo (miglior cortometraggio della Semaine de la Critique a Cannes), Let’s go di Antonietta De Lillo, docu-fiction sulla vita e le difficoltà economiche del fotografo napoletano Stefano Musella, Neve di Stefano Incerti, Va’ pensiero-storie ambulanti un documentario di Dagmawi Yimer, Genitori il docu di Alberto Fasulo, presentato in anteprima all’ultimo festival di Locarno, Magicarena il documentario di Andrea Prandstraller.
Tra gli eventi speciali, in collaborazione con Flussi Media Arts Festival, il nuovo progetto di Teho Teardo. Il grande musicista friulano, presenterà, il 18 settembre al Teatro Gesualdo di Avellino,“Le Retour à la Raison. Musique pour trois films de Man Ray”, il suo nuovo lavoro in uscita il 19 settembre 2015, che si compone delle tre colonne sonore originali realizzate da Teardo per i film di Man Ray Le retour à la raison, L’etoile de mer e Emak Bakia, mentre sullo schermo scorreranno le immagini dei suggestivi film d’arte creati dal pittore, fotografo e regista statunitense, esponente del Dadaismo.
Il 21 settembre, ospite d’onore sarà Valerio De Paolis, che riceverà il Premio Produttore 2015 e introdurrà il film che ha inaugurato la sua nuova casa di distribuzione, Cinema, Taxi Teheran di Jafar Panahi, Orso d’Oro all’ultima Berlinale.
Sempre a partire dal 21 e fino al 25 settembre, presso la settecentesca Casina del Principe di Avellino, si terrà il workshop curato da Daniele Gaglianone “Realizzare un documentario”, dedicato ai giovani (partecipazione a numero chiuso-info su www.lacenodoro.it).
Grande spazio al cinema underground, alla sperimentazione e alla video arte, a partire da Ex-machina, incontro aperto con il critico Massimo Causo, selezionatore della sezione Onde del Torino Film Festival, che introdurrà una serata dedicata a Zbigniew Rybczyński. Altri focus saranno dedicati a Salvo Cuccia e ai francesi Dervisches A., che presenteranno una selezione della loro ricca produzione.
Previste anche le performance live, con la risonorizzazione de Le notti di Chicago (1927) di Josef von Sternberg, a cura Massimo Barrella, e Il cinema post-surrealista di Maya Deren: Meshes of the Afternoon (1943); At land (1944); A Study in Choreography for Camera(1945), risonorizzati da Panacea.
E ancora un Convegno di studi su Giuseppe Marotta e il cinema con Valerio Caprara (presidente Film Commission Regione Campania), quattro mostre “Pasolini, un’eredità viva”, “Cesare Zavattini. Buongiorno Italia”, “L’oro di Marotta”, “Con Pasolini cominciammo: storia e immagini del Laceno d’Oro”, una sezione dedicata all’animazione, Sguardi animati, con un omaggio allo Studio Ghibli, una mostra di disegni di Simone Massi (Nastro d’argento 2015 miglior cortometraggio di animazione) e Julia Gromskaya, e un workshop per i bambini condotto da Vincenzo Gioanola.

Nel corso della rassegna, poi, saranno presentati i venti cortometraggi selezionati per la seconda edizione del concorso Gli occhi sulla città – Il cinema tra gli spazi urbanie il 29 settembre al Movieplex di Mercogliano (ore 20:15) sarà annunciato il vincitore del premio di 1.500,00 euro.