54 Festival dei Popoli – Festival Internazionale del Film Documentario

All’interno della VII edizione dei  50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze, il Festival dei Popoli – Festival Internazionale del Film Documentario festeggia i suoi cinquantaquattro anni con un calendario ricco di eventi e opere documentaristiche. Fondata nel 1959 da studiosi di scienze umane, antropologi, sociologi, etnologi e mass-mediologi, l'associazione senza scopo di lucro Festival dei Popoli  da sempre persegue l’obiettivo di valorizzare il cinema di documentazione sociale attraverso la sua diffusione sia in Italia che all’estero. Quel cinema del reale che mantiene vivo il suo «fascino speciale a prescindere» come lo ha definito Stefania Ippoliti (responsabile Area Cinema Toscana). Tra le sezioni del Festival il Concorso Internazionale propone 24 documentari inediti in Italia (divisi tra lunghi, medi e cortometraggi)  giudicati da una Giuria Internazionale di esperti che assegnerà i seguenti premi: Premio al Miglior Lungometraggio (€ 8.000), Premio al Miglior Mediometraggio (€ 4.000), Premio al Miglior Cortometraggio (€ 2.500), targa "Gian Paolo Paoli" al miglior film etno-antropologico. I film concorreranno inoltre al Premio del Pubblico. Per la sezione Panorama il cinema italiano contemporaneo continua a dimostrare la profonda sensibilità rivolta a questo genere sui generis, attraverso la proiezione di sette lungometraggi rappresentativi della produzione 2013, tra cui il vincitore del premio Doc It – Prospettive Italia Doc per il migliore documentario italiano Dal profondo di Valentina Pedicini, presentato al Festival Internazionale del Film di Roma 2013. Realizzata in collaborazione con Ambasciata di Francia, Istituto Francese d'Italia, Istituto Francese di Firenze, la sezione Etudes sur un Ville: Paris presenta una selezione di film dedicata al grande contenitore dello spazio urbano: la città. Ad avvalorare la proiezione di Etudes sur Paris, unica opera conservata del cineasta d’avanguardia André Sauvage, sarà l’accompagnamento musicale del Quatuor Prima Vista. E dalla singolarità della città si passa alla pluralità dei suoi abitanti con la sezione non competitiva Lontano da Utopia, concentrata sull’universale aspirazione comunitaria di difendere la propria identità e sopravvivenza contro gli abusi di potere, attraverso una mirata e imprescindibile azione collettiva. Per la sezione Father & Son: Un Viaggio nel Cinema, gli addetti ai lavori del Festival dei Popoli dedicano una doppia retrospettiva a due tra i più significativi autori del cinema europeo: Marcel ?ozi?ski e Pawe? ?ozi?ski. Padre e figlio raccontano attraverso la settima arte, quaranta anni di storia del loro paese, la Polonia. L’evento è realizzato in collaborazione con l’Istituto Polacco di Roma, Polish Film Institute e Krakow Film Foundation.Quest’anno Oltre alla sezione Eventi Speciali, nella quale grandi temi di attualità appaiono nel villaggio globale del cinema al massimo della loro spettacolarizzazione documentaria, si inaugura il PROGETTO TANDEM CON DOCUMENTARIST – ISTAMBUL DOCUMENTARY DAYS che rappresenta l’inizio di una collaborazione tra il Festival dei Popoli ed uno dei Festival di documentari più interessanti e vivaci della Turchia. Grazie alla selezione di opere documentaristiche turche di recente produzione, il pubblico potrà sentire attraverso lo sguardo dei registi l’attuale e continua metamorfosi di questo paese, tra Occidente e Oriente, tra tradizione e modernità. I luoghi che da sempre ospitano questo grande evento sono il cinema Odeon, lo Spazio Alfieri, l’Auditorium di santa Apollonia, l’istituto Francese Firenze e la Mediateca Regionale Toscana Film Commission.

Per maggiori informazioni consultare il sito http://www.festivaldeipopoli.org/