Box Office USA 10 dicembre 2013

La consuetudine del mercato americano vuole che il week-end successivo al Thanksgiving sia uno dei più deboli di tutto l'anno. I volumi complessivi si sono sensibilmente ridotti dopo l'exploit della settimana scorsa ma i titoli che avevano celebrato la festività si sono difesi molto bene. La delusione è arrivata dall'unica new entry: il cast non è bastato ad attirare il pubblico e Out of the Furnace è rimasto al terzo posto con un esordio che ha toccato a fatica i cinque milioni di dollari. Il budget del thriller della Relativity era ridotto ma il team-up tra Christian Bale e Casey Affleck doveva far segnare delle cifre migliori. Scoot Cooper ha mancato la possibilità di una conferma dopo che l'ottima performance di Crazy Heart aveva consegnato l'Oscar del 2009 a Jeff Bridges: la consolazione del premio all'ultimo Festival di Roma potrebbe non essere sufficiente. Frozen e Catching Fire hanno conservato il centro della ribalta e il film della Walt Disney ha effettuato un formidabile sorpasso ai danni di Katniss Everdeen. L'eroina della saga letteraria di Suzanne Collins non ha motivo di preoccuparsi. La sua corsa verso i quattrocentodieci milioni di Iron Man 3 prosegue con decisione anche se ha avuto un rallentamento: il film deve pareggiare il risultato del primo capitolo se vuole diventare il film più ricco del 2013 e fino a questo momento conserva un vantaggio di trenta milioni. Il divario si sta assottigliando e l'imminente arrivo di The Hobbit: The Desolation of Smaug potrebbe togliergli un po' di smalto: Tony Stark ha ancora qualche chance di conservare il primato annuale. Catching Fire ha stabilizzato la posizione della LionsGate all'interno di Hollywood: l'acquisizione della Summit Entertainment ha fatto lievitare i numeri dello studio canadese e gli ha fatto distruggere il muro del miliardo di dollari per il secondo anno consecutivo. Frozen ha invece ridato il sorriso alla Walt Disney dopo le sue disavventure estive: The Lone Ranger era stato un clamoroso scivolone e Monsters University aveva perso la sfida diretta con Despicable Me 2 della Universal. La major aveva retto soltanto con il contributo della fucina della Marvel: l'effetto di The Avengers aveva spinto verso l'alto le quotazioni di Iron Man 3 e di Thor: The Dark World. L'adattamento della favola di Hans Christian Andersen ha coperto le spese e potrebbe prolungare il suo successo fino alle feste: finora sta andando molto meglio di altre esperienze natalizie disneyane come Bolt del 2008 o Enchanted del 2007 e dovrebbe appaiare i duecento milioni di Tangled del 2010. La notizia più importante è che questo ottimo risultato è arrivato con un film in linea con la tradizione.