Dear Werner (Walking on Cinema), di Pablo Maqueda

Un atto feticistico e omaggio spassionato, poiché la rigidità dell’impostazione in capitoli si scioglie presto nella sincerità dell’amore per il soggetto. A TFFDOC/Paesaggio al #TFF38

«Forse l’estasi sarà vera se mai riuscirò ad incontrarti ed esprimerti ciò che significhi per me». Pablo Maqueda, madrileno 35enne, è arrivato all’indirizzo dove Lotte Eisner visse a Neuilly-sur-Seine, vicino Parigi. Ha affrontato un lungo viaggio a piedi sulle orme di Werner Herzog, replicando quella camminata leggendaria del 1974 raccontata nel libro “Sentieri nel ghiaccio”. L’autore bavarese, allora promessa del Nuovo Cinema Tedesco, giurò che se avesse raggiunto l’amica-mentore malata, marciando con poche mirate soste da Monaco alla capitale francese, lei sarebbe certamente sopravvissuta.

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------

Maqueda è cresciuto con una fascinazione totalizzante per quell’impresa e per l’intera opera herzoghiana. In Dear Werner, dopo alcuni mesi di preparazione, decide di partire per cercare più sé stesso che l’adorato maestro. Infatti, anche se è l’espressione “Caro Werner” ad aprire il film, in realtà Herzog lo si sente solo leggere alcuni passaggi del suo testo. Mentre ciò che vediamo è piuttosto il video che lui non poté o non volle fare all’epoca, durante quel primo viaggio. Un calco visivo di un’esperienza irripetibile ma reimmaginata. Al tempo stesso atto feticistico e omaggio spassionato, poiché la rigidità dell’impostazione in capitoli si scioglie presto nella sincerità dell’amore per il soggetto.

Lo spagnolo ha molte domande e pochissime risposte, perciò ha un che di piacevole agganciare il suo sguardo. A un certo momento, sulle boscose montagne della Germania, troviamo una grotta e, mentre ci inoltriamo alla scoperta, sviluppiamo forse la riflessione più interessante dell’intera operazione: è forse qui che rimangono i progetti dimenticati? Il cinema come lotta alla paura e al rifiuto. Il senso stesso del cinema di Herzog, ma anche dell’attività di Eisner mentre proteggeva dai nazisti centinaia di pellicole della Cinémathèque nel 1942. Notevole poi l’apparato musicale, dinamico e suggestivo come i celebri temi portanti di Aguirre, Cuore di vetro, Nosferatu e gli altri capolavori del caro Werner.

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
3.7

Il voto al film è a cura di Simone Emiliani

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------

Sending
Il voto dei lettori
5 (1 voto)
------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #8