(doc) "Magari le cose cambiano", di A. Segre

Magari le cose cambiano
Una coraggiosa indagine che racconta il degrado delle nuove periferie romane entrando con sensibilità nelle vite di chi in tali desolati luoghi è costretto a vivere, combattendo ogni giorno per affermare la propria dignità e i propri diritti
--------------------------------------------------------------
INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA POSTPRODUZIONE, CORSO ONLINE DAL 17 GIUGNO

--------------------------------------------------------------
Magari le cose cambianoVincitore al 27° Torino Film Festival di due premi (UCCA – 20Città e Premio Avanti!) e del Primo Premio al concorso Docucity, Magari le cose cambiano è il penultimo lavoro di Andrea Segre, giovane regista già autore degli apprezzati A sud di Lampedusa e Come un uomo sulla terra. L'Ultimo lavoro è Il Sangue verde, miglior documentario alle Giornate degli Autori a Venezia.
Particolarmente sensibile alle ingiustizie sociali e ai drammi dell’immigrazione clandestina, questa volta Segre spinge la sua macchina da presa nell’estrema periferia romana, a Ponte di Nona, un agglomerato di palazzoni colorati tirati su rubando terreno alla campagna, isolati dal resto della città, privi di qualsiasi servizio e vicini soltanto al più grande centro commerciale d’Europa, sorto nell’area in cui dovevano esserci la biblioteca e le scuole. L’interesse verso le necessità dei cittadini che nel resto d’Europa guida le scelte dei politici, in Italia, almeno nella maggior parte delle amministrazioni locali, è una pura chimera. Nel nostro Paese, l’unico interesse di cui si tiene conto quando si pensa a un nuovo “piano case” sembra essere quello di costruttori, palazzinari che si servono di politici amici o spesso scendono in politica loro stessi per trarre ancora più profitto dai loro affari, aiutati da leggi ad hoc e deleterie modifiche in extremis ai piani regolatori. L’indagine di Segre svela una verità già raccontata anche da alcuni fondamentali servizi di Report, ma ciò che distingue questo documentario dal reportage televisivo, oltre alla qualità della fotografia di Luca Bigazzi, è la particolare sensibilità con cui il regista entra nella vita delle due protagoniste (Neda e Sara) per raccontarci, oltre al degrado della periferia, l’umanità, la dignità e la forza di chi in tale degrado è costretto a viverci.
Neda in Magari le cose cambiano
--------------------------------------------------------------
INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA SCENEGGIATURA, CORSO ONLINE DAL 28 MAGGIO

--------------------------------------------------------------
Neda è una cinquantenne combattiva, nata all’ombra del Colosseo e “deportata”, come dice lei, in periferia nel 1995, dove si è reinventata una nuova vita senza perdere la voglia di continuare ad indignarsi per le ingiustizie subite e con la capacità di pungolare e stimolare anche i suoi vicini a non farsi vincere dalla rassegnazione e dall’indifferenza. Sara, invece, ha 18 anni, padre egiziano e madre italiana, è cresciuta a Ponte di Nona, ma la mancanza di servizi e di collegamenti non l’hanno piegata a una vita da “consumatrice” che spende i suoi pomeriggi liberi al centro commerciale, come fanno tanti ragazzini relegati nelle periferie urbane. Sara ha deciso di studiare al Liceo e, seppure consapevole che a lei “nessuno mai regalerà niente”, è fermamente convinta che lo studio e la cultura le garantiranno un futuro migliore. Questa ragazzina simpatica, intelligente, timida ma al tempo stesso determinata , smaschera le bugie che si nascondono dietro i manifesti pubblicitari di alcune note agenzie immobiliari e le malefatte di alcuni costruttori prestati alla politica. Citando Marx, con la fierezza di chi crede ancora negli ideali e non ha subito ancora disillusioni, Sara dimostra che la cultura, la voglia di informarsi, di conoscere e di sapere sono l’unica corazza con cui possiamo difenderci dall’arroganza del potere. Un documentario importante, che aiuta a capire le mille contraddizioni dell'Italia di oggi coniugando rigore stilistico e impegno sociale.
 
TRAILER
 
 

--------------------------------------------------------------
OPEN DAY SCUOLA SENTIERI SELVAGGI, IN PRESENZA/ONLINE IL 7 GIUGNO!

--------------------------------------------------------------
--------------------------------------------------------------
#SENTIERISELVAGGI21ST N.17: Cover Story THE BEAR

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative