FILM IN TV – "Attrazione Fatale", di Adrian Lyne


Il film ricevette 6 nomination ricevute agli Oscar del 1988. La torbida relazione tra il fedifrago Douglas e la sensualissima e provocante Close è il fulcro di una trama sostenuta dalla notevole interpretazione dei due attori, capaci di donare al film il tono oscillante tra l’eros e il thriller psicotico, e che è possibile ammirare negli anni del loro massimo splendore fisico e artistico. Venerdì 15 giugno ore 0.00 Rete 4

di Lorenzo Bianchi

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------

Un celebre aforisma recita: «Stai attento a quello che desideri, perché potresti ottenerlo». È il riassunto perfetto per la situazione di Dan Gallagher (Michael Douglas), un uomo felicemente sposato con la bella Beth (Anne Archer) e che durante una serata di gala conosce la sensuale Alex (Glenn Close). I due si trovano a lavorare insieme e, complice la partenza della moglie per il weekend, Alex e Dan passano due giorni dal tasso erotico elevatissimo, tra sesso (ovunque, anche in ascensore) e discoteca, ma anche con intense discorsi intimi. Quello che poteva essere semplicemente un atto fedifrago da insabbiare al ritorno della moglie, si trasforma per Dan in un incubo: Alex infatti si innamora perdutamente e non ha nessuna intenzione di mollare la presa sull’uomo, in un vortice di perversa e folle ossessione che la porterà alle decisioni più estreme. Sulle prime Dan è convinto di essersi liberato della donna dopo averle parlato chiaramente, eppure Alex, interpretata in maniera alquanto convincente da una giovane e bellissima Glenn Close è disposta a tutto, anche a spargimenti di sangue, pur di riaverlo.

Con questo film Michael Douglas dà inizio alla serie di pellicole che, assieme a Rivelazioni e, soprattutto, Basic Istinct, hanno lanciato la sua immagine di sex symbol e di affascinante gigolò. Adrian Lyne, dal canto suo, sembra avere qualche conto in sospeso con la questione sessuale e con i tradimenti. Il regista gira questa pellicola un anno dopo aver scandalizzato molti paesi (e sbancato altrettanti botteghini) con un film cult come 9 settimane e ½, e se si pensa che negli anni successivi ha diretto pellicole come Proposta indecente, Lolita e Unfaithful – L’amore infedele, i conti sono presto fatti.
Attrazione fatale ricevette 6 nomination ricevute agli Oscar del 1988. La torbida relazione tra il fedifrago Douglas e la sensualissima e provocante Close è il fulcro di una trama sostenuta dalla notevole interpretazione dei due attori, capaci di donare al film il tono oscillante tra l’eros e il thriller psicotico, e che è possibile ammirare negli anni del loro massimo splendore fisico e artistico. Una menzione particolare, al riguardo, la merita una delle significative sequenze finali in cui i protagonisti sfoggiano una prova recitativa di livello altissimo, una scena che ha in sé l’essenza della tensione e che difficilmente può essere dimenticata. La carriera di Lyne, dopo questo successo, ha subito una discensa brusca, attenuata solamente dal remake della Lolita di Kubrick. Per gli amanti del genere, dunque, è un peccato perderselo.

Titolo originale: Fatal Attraction
Regia: Adrian Lyne
Interpreti: Michael Douglas, Glenn Close, Anne Archer, Ellen Hamilton, Latzen, Stuart Pankin, Ellen Foley
Durata: 119 min
Origine: USA 1987
Venerdì 15 giugno ore 0.00 Rete 4

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------

 

 

_________________________________________________________________________________________________

Puoi dare un contributo per questo contenuto editoriale con una libera donazione – di qualsiasi importo – a Sentieri selvaggi.

_________________________________________________________________________________________________

 

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #8


Un commento

  • rodella2002@libero.it
    Avatar

    Come mai il film è stato trasmesso in inglese senza avvertire neppure su TV Sorrisi e Canzoni? Pochi minuti prima dell'inizio del film Rete 4 ha trasmesso la pubblicità-trailer del film con i dialoghi in italiano ma poi ha trasmesso il film in lingua orignale senza avvertire!