Leonardo Di Caprio su "Film Tv"

leonardo di caprio in copertina su film tv"Sono il re del mondo!": può urlarlo a squarciagola Jordan Belfort, truffatore milionario, broker tra sesso e droga la cui ascesa e caduta sono dipinte da Martin Scorsese nel suo nuovo The Wolf of Wall Street (dal 23 gennaio). Ma con ancora più convinzione può affermarlo Leonardo DiCaprio, che lo interpreta, ammiccante sulla copertina del nuovo numero: fresco di Golden Globe, punta all'Oscar con la quinta collaborazione col grande cineasta. Noi cogliamo l'occasione per stendere una filmografia della finanza al cinema, dalle speculazioni anni 80 in su.

Un altro re è pronto a farsi sentire, letteralmente: parliamo dell'unico e solo Boss, Bruce Springsteen, col suo diciottesimo disco High Hopes (Coumbia/Sony) che quattro firme d'eccezione (Giona A. Nazzaro, Filippo Mazzarella, Nicola Gervasini e il direttore Mauro Gervasini) commentano per voi.

Intervista a Marco Giallini, interprete eclettico ed entusiasta, protagonista del film di Paolo Genovese Tutta colpa di Freud (al cinema dal 23 gennaio), in cui è al contempo padre e psichiatra di Anna Foglietta, Vittoria Puccini e Laura Adriani.

Ci spostiamo dalla commedia al dramma presentando La mia classe (uscito in sala il 16 gennaio), nelle parole del suo autore Daniele Gaglianone: a metà strada tra fiction e documentario, la pellicola passata alle Giornate degli Autori di Venezia 2013 cala sul rapporto tra un professore volenteroso ma frustrato dalla legge italiana (Valerio Mastandrea) e i (veri) studenti immigrati.

Il 27 gennaio, Giornata della Memoria, è alle porte: e il cinema continua a non dimenticare. Roberto Faenza ci parla accorato della sua nuova opera, Anita B. (uscito il 16 gennaio), storia di una giovane sopravvissuta ad Auschwitz. Margarethe von Trotta ritrae l'imprescindibile filosofa tedesca Hannah Arendt nel biopic omonimo (in sala solo il 27 e il 28 gennaio) che si incentra sul momento dell'ideazione della rivoluzionaria opera La banalità del male. Non mancano infine una riflessione sull'Olocausto e le immagini, e un riquadro su Le dernier des injustes di Claude Lanzmann, autore dell'enorme Shoah (1985).

Nostalgico, amaro, attraversato da temi contemporanei del cinema americano (famiglia sbrindellata, ricerca di un genitore perduto, ritorno a casa per ritrovarsi) ma filtrati da un humour inconsueto e catastrofico: gli Scanners aprono con Girl Most Likely, protagonista un'incontenibile Kristen Wiig (già mattatrice in Le amiche della sposa). C'è molto da ridere, benché con più nonsense e addirittura splatter, nella comedy horror John Dies at the End, b-movie tra zombie e ristoranti cinesi poco affidabili. Infine, la rubrica si affaccia sul dramma con il palpitante, corale Tête de turc, spiraglio sconsolato sul degrado delle banlieue.

Sa di cinematografico il nuovo romanzo di Dave Eggers, già sceneggiatore e soggettista per il cinema e autore del libro per bambini Nel paese delle creature selvagge poi tradotto su schermo da Spike Jonze. Il nostro Pezzotta ci segnala che Ologramma per il re (Mondadori) sembra già pronto per un film di Alexander Payne: acido, avvincente, di gran mestiere. 
Da non perdere anche il romanzo/incontro/chiacchierata di Roberto Silvestri e Mariuccia Ciotta (critici di Il manifesto) con Rossana Rossanda, giornalista e scrittrice storica che in Il film del secolo (Bompiani)seziona con intelligenza le categorie del cinema, smonta con affetto qualche mito della settima arte, e si lascia andare a una irresistibile dichiarazione d'amore per Clint Eastwood.

Speciale imperdibile della rubrica dvd: tutti i film di Tarkovskij disponibili in home video; ci concentriamo prima di tutto sul ripristino (per la seconda volta) da parte della General Video dei 40 minuti mancanti del capolavoro Solaris (1972); arricchito inoltre da un'introduzione di enrico ghezzi. Ma in dvd escono anche l'immenso Holy Motors (Eagle) di Leos Carax, miglior film del 2013 secondo la redazione di Film Tv, il controverso e sottovalutato Foxfire – Ragazze cattive di Laurent Cantet (CGHV), e il cult picchiaduro (privato purtroppo in Italia della luce del grande schermo) The Raid – Redenzione di Gareth Evans (Eagle Pictures/Sound Mirror), di cui peraltro è in arrivo il sequel.

Telepass intervista il giornalista Vito Foderà, conduttore del nuovo programma d'inchiesta e approfondimento di Mtv, Polifemo – Quello che nessuno ti fa vedere, che già dal titolo, come lo stesso Foderà ribadisce, si propone di dare una visione completa e finora inedita di argomenti come il gioco d'azzardo, le imprese, il cibo. Da martedì 28 gennaio, alle 23.

La stupenda icona d'eleganza Joan Fontaine ci ha lasciati il 15 dicembre: la Locandina in regalo non poteva che essere per lei, fulgida stella di La seduttrice di Nicholas Ray, che nel 1950 in questo cinico drammad'amore la fa brillare come pochi altri (come forse soltanto Hitchcock, che la lancia verso l'Oscar con Il sospetto e nel mito tramite Rebecca – La prima moglie).

Leonardo Di Caprio su "Film Tv"

leonardo di caprio su film tvLost Highway. L’8 gennaio compie 65 anni David Bowie, da oltre quattro decenni uno dei più mutevoli e geniali personaggi della scena musicale. E non solo, perché la sua multiforme carriera è legata a doppio filo con la storia del cinema.

Nelle sale dal 4 gennaio J. Edgar, biopic di Clint Eastwood dedicato all’inventore dell’Fbi. Storia di un uomo tra i più potenti del Novecento, ossessionato dalle sue crociate (specie contro progressisti e diritti civili), ma anche lucido e determinato nella lotta contro il crimine.

Speciale i Migliori Film del 2011: il meglio e il peggio dell’annata appena conclusa, con i cult e gli scult della redazione e uno sguardo ai titoli che ci attendono nel 2012.

Secondo appuntamento con Salvate la tigre, rubrica a firma Claudio G. Fava dedicata al recupero di classici dimenticati e di capolavori in via d’estinzione.

Da staccare, conservare e appendere la locandina di Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino, commentata da Giulio Sangiorgio. Con il  meglio di Tarantino in blu-ray.