Mud di Jeff Nichols, il trailer

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 
Se rimosso, visibile anche qui o qui

Al suo ottimo esordio, l'asciutto Shotgun Stories (2007) il regista americano Jeff Nichols ha fatto seguire Take Shelter (2011, di nuovo con Michael Shannon), vincitore della Semaine de la Critique e del FIPRESCI sulla Croisette, apprezzatissimo da critica e pubblico e finito in molte top ten dei migliori film dell'anno. Ed ecco finalmente il trailer del suo terzo lungometraggio, Mud, presentato in concorso a Cannes 65 (la recensione di Sentieri Selvaggi, info e foto) e in arrivo al Sundance Film Festival 2013 nella sezione Spotlight, poi nelle sale USA dal 26 aprile.

Mud di Jeff Nichols, il trailerUna storia di formazione sulle orme di Stand By Me, influenzata dalla letteratura di Mark Twain, e di amicizia – tra due ragazzini e un fuggiasco, interpretata un Matthew McConaughey al quale vengono affidati ruoli sempre più di spessore: dopo Killer Joe lo vedremo come boss della finanza in The Wolf of Wall Street di Scorsese, malato di AIDS in Dallas Buyers Club e poliziotto a caccia di un serial killer nella nuova serie HBO True Detectives. Nel cast di Mud, il giovanissimo, convincente Tye Sheridan (The Tree of Life, lo vedremo in Joe di David Gordon Green) Reese Whiterspoon (Devil's Knot di Atom Egoyan) Sarah Paulson (Martha Marcy May Marlene, Twelve Years a Slave) Sam Shepard (Out of the furnace) Paul Sparks (Boardwalk Empire) e Michael Shannon (impegnato sul set di The Harvest di John McNaughton).

Nichols, che quest'anno è stato Presidente di Giuria al Festival di Roma, ha in cantiere un nuovo progetto: The Boy Who Played With Fusion, ispirato a un articolo sulla vera storia di Taylor Wilson, quattordicenne dell'Arkansas riuscito a completare un esperimento di fusione nucleare nel tentativo di trovare una cura contro il cancro, che affliggeva sua nonna. Alla sua vicenda si mescolerà quella di un altro bambino prodigio, che però a differenza del primo non viene incoraggiato dai genitori, poveri e privi di mezzi, a sviluppare il suo talento.