Pays Barbare – La “notte profonda” di Gianikian e Ricci Lucchi

Oggi h 19 per Docusfera da Sentieri Selvaggi in via Botta 19 a Roma la proiezione del film sull’Italia colonialista e incontro con Yervant Gianikian. Ecco il testo che accompagnava il film nel 2013

--------------------------------------------------------------
CORSO COMUNICAZIONE DIGITALE PER IL CINEMA DALL'11 APRILE

--------------------------------------------------------------

Docusfera #2 – 13 novembre 2022 h 19 proiezione di PAYS BARBARE di Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi (2013), ingresso gratuito da Sentieri Selvaggi via Carlo Botta 19 a Roma. A seguire incontro con Yervant Gianiklan (anche in diretta su facebook.com/sentieriselvaggi). 
Pubblichiamo per l’occasione il testo di Gianikian & Ricci Lucchi che accompagnava il film al momento della sua uscita.

Ritorniamo su materiali riguardanti l’Etiopia / Abissinia coloniale italiana. 1935 – 1936. Di recente in un archivio privato cinematografico, frughiamo con la nostra “camera analitica” tra i fotogrammi del colonialismo italiano: studiandoli con una lente e trascrivendo le didascalie. I materiali in formato ridotto avevano l’intento di essere visti tra le pareti domestiche, in silenzio, anche se si era già in epoca sonora.

--------------------------------------------------------------
#SENTIERISELVAGGI21ST N.17: Cover Story THE BEAR

--------------------------------------------------------------

In questi brani cinematografici si possono notare inoltre, guardandoli a mano, senza un proiettore, i segni di coloro che avevano posseduto i film, le parti sulle quali più volte erano ritornati. L’erotismo coloniale. Il corpo nudo delle donne ed il “corpo” del film, graffiato, lacerato da innumerevoli visioni.

Una doppia lettura la nostra, quella delle immagini e il modo in cui erano state consumate. Donna etiope inginocchiata con veste aperta sul seno. Militare barbuto che le insapona simbolicamente la testa. Le didascalie forniscono termini ricorrenti: “tipo barbaro, primitivo, razziatore, infido, diffidenza proverbiale, bigamia … ”. Razzismo pesante e cinico.

Sovrimpressioni: una somma di sequenze militari di uomini e mezzi della violenta impresa italiana per la conquista dell’Etiopia e la scritta: “per questo paese primitivo e barbaro l’ora della civiltà è ormai scoccata”. Sugli aerei si caricano bombe all’iprite, il cui uso è sempre stato negato. Proibite già allora dalla convenzione di Ginevra.

Storia dell’immagine di Mussolini in Africa. La comunicazione alle masse attraverso le caratteristiche della sua persona. Imposizione dell’idea che un capo di stato deve apparire come una icona fortemente marcata e incomparabile.

Un film necessario per noi in questo momento, sul fascismo e il colonialismo italiano in Africa. Il nostro lavoro è un lotta contro la violenza e la guerra. A volte ci chiediamo perché continuiamo a batterci. L’Italia oggi stà attraversando cose che ci sconvolgono. L’Europa si è suicidata con due Guerre Mondiali e con dittature terrificanti.

Nell’estate del 2013, una riflessione alla fine del film: “Insolente, atrocemente farsesco, il fascismo si ripresenta. Noi proviamo un senso di inquietudine. Siamo immersi in una notte profonda, non sappiamo dove stiamo andando. E voi?”.

Yervant Gianikian & Angela Ricci Lucchi, 2013

--------------------------------------------------------------
CORSO ONLINE SCRIVERE E PRESENTARE UN DOCUMENTARIO, DAL 22 APRILE

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative


    Array