"Up", di Pete Docter e Bob Peterson

upArriva nelle sale dopo il passaggio cannense Up, seconda prova da regista (dopo Monsters & co.) di Pete Docter (autore del soggetto di Wall-e e Toy story). Se e’ vero che la coppia “in alto-in basso” rappresenta uno degli schemi cognitivi piu’ basici e universali, anche questa volta la Pixar ha tagliato un traguardo : aprire il festival piu’ prestigioso del mondo con un film d’animazione, proiettato in 3D, partendo dalle radici e da quanto di piu’ immediato esiste nell’esperienza umana (come gia’ avveniva del resto in Wall-e). Carl Fredricksen sogna l’avventura, e incontra da bambino la donna che amera’ per tutta la vita. Una vita che vediamo passare, subito ingannati, come un flashback mentre e’ nel futuro che Up proietta lo spettatore, facendogli ritrovare il protagonista anziano e con i sogni nascosti – non troppo bene – in ogni angolo della sua casetta. Sara’ lo spirito di sopravvivenza – lo spauracchio di una casa di riposo – a fargli spiccare il volo verso le terre selvagge del SudAmerica, in compagnia di un piccolo boyscout orientale. La sceneggiatura si snoda classica dalla malsopportazione iniziale tra i due uppersonaggi fino al punto massimo di evoluzione dei loro rapporti, tra le molte sorprese messe in campo attraverso la scoperta della vita nell’altro continente (« e’ come l’America, ma e’ a Sud »). Il connubio Pixar-Disney non rinuncia alle costanti dei film d’animazione (come la valorizzazione dell’amore coniugale e dei rapporti familiari o la comicita’ veicolata dal comportamento degli animali), ma allo stesso tempo le sottopone a una rielaborazione carica di immediatezza e ad altissimo valore emozionale (l’album delle foto e delle « cose da fare », il viaggio sognato per tutta la vita, il superamento della apparente contraddizione tra quotidianita’ e straordinario). Soprattutto, Up sembra gia’ compiere un passo evolutivo sulla nuova strada del 3D, scegliendo una messa in scena discreta che non oltrepassa mai i confini dello schermo (al contrario di quanto avviene in altri film come Viaggio al centro della terra o Mostri contro alieni), ma gioca sulla profondita’ degli ambienti e sulla mobilita’ dei volti. Come a cercare la chiave del cinema non necessariamente fuori (nella spettacolarizzazione) ma, piuttosto, dentro – il quadro, il movimento, l’anima della storia.

Titolo originale: id.

--------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21st!
--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------
Regia: Pete Docter, Bon Peterson
Voci italiane: Giancarlo Giannini, Arturo Valli, Arnoldo Foà, Neri Marcorè, Andrea Ward, Fabrizio Pucci
Distribuzione: Walt Disney
Durata: 96’
Origine: USA, 2009

---------------------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA: OFFERTA PER I LAUREATI DAMS e altri per la SPECIALIZZAZIONE

---------------------------------------------------------------------