Armageddon – Giudizio finale, di Michael Bay

Armageddon di Michael Bay (giunto al suo terzo fim dopo Bad Boys e The Rock) è il primitivismo cinematografico USA cristallizzato al grado zero della propria vocazione universalistica. Inutile lamentare retorica e ipetrofia spettacolare spinta all’autocombustione: in Armageddon l’idea di ‘entertainment’ da shopping mall (o da multiplex) subisce una tale accelerazione da sconfinare nel lirismo più spericolato. Inutile pure appellarsi al magistero hawksiano e/o all’etica aldrichiana. È l’assenza di sguardo a fare la differenza. Verhoeven con Starship Troopers si muoveva nella medesima direzione, ma l’evidenza di un progetto politoco della messinscena, ne annullava l’estasi mitopoietica producendo un inquietante congelamento segnico. Armageddon è l’oltrecinema. Oltre il secondo grado, la ricerca del realismo a tutti i costi (nemesi di un apparato spettacolare sempre più celibe…), ci restituisce (senza speranza di redenzione) il vuoto ergendolo a ragione profonda del suo essere cinema.

 

Amore, morte e rinascita. Lo schema base di qualsiasi racconto iniziatico è molto più che rispettato. La verità di Armageddon si nutre della falsità dei suoi segni. Ma a differenza di Deep Impact, dove si tenta di fondare un orizzonte sentimentale e psicologico credibile mutuandolo dalle soap, Armageddon vive la sua inautenticità come deriva ultima (necessaria?) di un cinema che crede (?) stoicamente alla verosimiglianza pur essendo privo di qualsiasi referente: controcampo. Vivendo fino in fondo la propria falsità, Armageddon brilla di una ingenuità iconica che commuove senza possibilità di…critica.

Titolo originale: id.

Regia: Michael Bay

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------

Interpreti: Bruce Willis, Ben Affleck, Liv Tyler, Billy Bob Thornton, Will Patton, Steve Buscemi, William Fichtner, Peter Stormare, Owen Wilson, Michael Clarke Duncan

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------

Durata: 150′

Origine: Usa 1998

 

Da Sentieri Selvaggi n. 6, ottobre 1998, p. 49