Box Office USA 31 dicembre 2013

The Desolation of Smaug ha conservato il primo posto per la terza settimana consecutiva e la longevità della sua leadership ha nascosto le lacune dei suoi numeri. Il nuovo capitolo della saga tolkieniana ha dominato la classifica durante il periodo natalizio ma il suo incasso interno è ancora inferiore a quello di An Unexpected Journey. Il film si porta dietro un lieve ribasso in tutti i mercati e non si è ancora assicurato la soglia del miliardo di dollari worldwide: questa tendenza non gli ha impedito di mettere insieme più di seicento milioni in tutto il mondo. L'entità dei suoi profitti ha escluso un verdetto di insuccesso ma è chiaro che le aspettative di partenza di The Desolation of Smaug erano persino amplificate dai tradizionali vantaggi del sequel. Il fandom dello scrittore fantasy è ancora in grado di assicurare un ampio margine di guadagno anche a questa nuova impresa produttiva di Peter Jackson. Il mercato delle feste ha avuto un altro protagonista e Frozen è stata la sorpesa che ha permesso al 2013 di chiudere in bellezza: il titolo della Disney è arrivato a duecentocinquanta milioni e ha trascinato tutte le famiglie al cinema. Lo studio non conquistava il periodo sotto l'albero da molto tempo e questa affermazione ha riscattato la grande delusione estiva di The Lone Ranger. L'adattamento della favola di Hans Christian Andersen gli ha regalato un attivo rispetto all'anno precedente ma questa considerazione può essere estesa a tutta l'industria cinematografica. L'ultimo week-end di dicembre ha dato la risposta che tutti aspettavano: il 2013 è stato l'anno più ricco di tutti i tempi anche se il numero dei biglietti non è stato all'altezza del record del 2002. Quasi tutte le major hanno avuto un incremento rispetto all'ultima rilevazione e il dato aumenta la sua proporzione in relazione alla crescente diffusione dei film americani nei mercati emergenti. Il panorama è stato roseo anche dal punto di vista degli outsider: Anchorman 2 riporterà Will Ferrell sopra i cento milioni dopo un periodo di appannamento e questo traguardo è sicuramente alla portata di American Hustle di David O. Russell e a The Wolf of Wall Street di Martin Scorsese. Questo bottino dovrà essere preso in considerazione nelle prossime decisioni dell'Academy… Catching Fire ha sferrato l'attacco decisivo ai quattrocentodieci milioni di Iron Man 3: la distanza ormai è molto ridotta e il sorpasso è possibile. Santa Claus non ha portato i regali soltanto a Ben Stiller: il divo della commedia non riesce ad uscire dai suoi personaggi più famosi e non fa una mossa azzeccata dai tempi di Night at the Museum e di Little Fockers. Il pubblico ha bocciato il revival: Grudge Match con Robert De Niro e Sylvester Stallone ha debuttato con meno di dieci milioni e non è entrato nemmeno nelle prime dieci posizioni.

 

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

 

--------------------------------------------------------------------
LE BORSE DI STUDIO PER CRITICA, SCENEGGIATURA, FILMMAKING DELLA SCUOLA SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------