Douglas Sirk al centro della retrospettiva di Locarno 75

Alla riscoperta di un autore capace di influenzare intere generazioni di cineasti, attraversando gran parte del Novecento dal cinema di Weimar al sistema degli Studios hollywoodiani

-----------------------------------------------------------
NOVITA’ – CORSO ONLINE TEORIA DELLA SCENEGGIATURA


-----------------------------------------------------------

Dopo la retrospettiva dello scorso anno dedicata ad Alberto Lattuada, la 75esima edizione del Locarno Film Festival (3-13 agosto 2022) ha deciso di approfondire ed omaggiare la figura del regista tedesco Douglas Sirk, a 35 anni dalla sua scomparsa. I documenti inediti conservati dalla Cinémathèque Suisse forniranno una nuova chiave di lettura storiografica per riscoprire un autore amato dalla Nouvelle Vague e da registi come Rainer W. Fassbinder e Bernardo Bertolucci. La presentazione integrale delle opere di Sirk sarà accompagnata da una selezione di film contemporanei a lui collegati e da documentari e programmi televisivi che lo hanno reso protagonista. L’intero corpus sirkiano potrà essere in questo modo riletto ampliando la prospettiva sulla sua figura, sia come cineasta e sia come uomo di cultura.

----------------------------
CORSO ESTIVO DI RIPRESA VIDEO

----------------------------

“È giunto il momento di scoprire nella sua totalità un autore straordinario come Douglas Sirk attraverso tutte le sfaccettature del suo lavoro – ha dichiarato il direttore artistico Giona A. Nazzaro – Che ciò avvenga a Locarno, nel territorio scelto dal Maestro per trascorrere la parte finale della sua vita, evidenzia il forte legame fra Sirk e il Ticino. Sirk ha saputo smontare le ipocrisie della società creando alcuni dei melodrammi più fiammeggianti e politici di tutti i tempi”.

Roberto Turigliatto, co-curatore con Bernard Eisenschitz della retrospettiva dichiara: “Nel 1978, qualche anno prima della sua morte, Douglas Sirk partecipò al Locarno Film Festival, presentando alcuni suoi film. Era il momento della scoperta del regista dopo i rari riconoscimenti che gli erano stati attribuiti fino ad allora. Quarantaquattro anni dopo è sembrato indispensabile ritornare sull’opera di questo grande maestro per esplorarne tutta la complessità, in sintonia con un forte e rinnovato interesse internazionale“.

La retrospettiva è organizzata dal Locarno Film Festival in partenariato con la Cinémathèque Suisse e la Cinémathèque française, e la collaborazione di numerosi archivi internazionali. Il progetto vede inoltre coinvolte prestigiose istituzioni svizzere e internazionali che assicureranno una circuitazione che farà viaggiare la retrospettiva dopo la fine dell’edizione.

--------------------------------------------------------------
Sentieriselvaggi21st #11: JONAS CARPIGNANO La nuova frontiera del cinema italiano

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative