CiakPolska Film Festival 2023: il programma

Al via con Jerzy Skolimowski l’undicesima edizione, che si terrà a Roma dal 13 al 19 novembre, alla scoperta dei grandi classici del passato e del presente del cinema polacco.

--------------------------------------------------------------
PORTA DI ACCESSO ALLE SPECIALIZZAZIONI: FILMMAKING, SCENEGGIATURA, POSTPRODUZIONE, CRITICA, RECITAZIONE

--------------------------------------------------------------

Dal 13 al 19 novembre è in programma presso il Palazzo Esposizioni di Roma l’’11ª del CiakPolska Film Festival, che dà la possibilità di riscoprire la cinematografia polacca a partire dai suoi più grandi nomi. Ad aprire la manifestazione sarà una chiacchierata con il regista Jerzy Skolimovski, che incontrerà il pubblico lunedì 13 novembre al cinema Troisi dalle 19:30, presentando, insieme alla cosceneggiatrice Ewa Piasklowska, il suo film più recente, EO, vincitore del premio della giuria al festival di Cannes 2022, nonché candidato agli Oscar 2023 nella categoria “miglior film internazionale”. La pellicola racconta il viaggio in giro per l’Europa di un asino liberato da un circo, che va incontro alle gioie e ai dolori dell’esperienza umana, in un road movie dai tratti poetici.

--------------------------------------------------------------
10 ANNI SENZA PHILIP SEYMOUR HOFFMAN 2014/2024

--------------------------------------------------------------

Skolimowski è considerato uno dei maestri del cinema europeo dell’ultimo mezzo secolo, grazie a titoli memorabili come Il vergine (1967), La ragazza del bagno pubblico (1970), L’australiano (1978), Essential killing (2010) e 11 minuti (2011). Al lavoro come regista, ha fin dagli esordi accompagnato quello di sceneggiatore, firmando copioni messi in scena da Andrzej Wajda e Roman Polanski. Con l’ultimo in particolare collabora nel 1962 alla scrittura de Il coltello nell’acqua (anch’esso presente nel programma dell’edizione 2023 del CiakPolska).

Grazie alla rassegna organizzata dagli Studi Cinematografici di Film e Documentari WFDiF  e dall’Istituto Polacco di Roma, il pubblico avrà la possibilità di (ri)scoprire la storia della Polonia a partire dai più grandi classici della sua cinematografia. Oltre ai titoli già citati, faranno parte della rassegna anche film di registi come Wanda Jakubowska, Krzysztof Kiéslowski, Andrzej Munk, Andrzej Wajda e Krzysztof Zanussi. Giovedì 16 ottobre alle ore 20, avrà invece luogo un incontro con il regista cinematografico e teatrale Robert Glinski, che parlerà di Wojeciech Jerzy Has, regista di culto che ha ispirato cineasti del calibro di Francis Ford Coppola e Martin Scorsese (la cui vità è raccontata in un documentario del 2012 dello stesso Glinski, Trecce), presentandone il film Come essere amata (1963).

A dimostrazione dell’ottimo stato di salute di cui gode però la cinematografia in questione, tra i titoli appartenenti alla rassegna verrà proiettato anche un capolavoro contemporaneo, ovvero Ida (2013), di Paweł Pawlikowski. Ultimo film polacco ad aver vinto l’Oscar come miglior film internazionale, racconta le vicende di Anna, diciottenne orfana che, poco prima di prendere i voti, scopre di avere una zia ancora in vita, volendo quindi conoscere il proprio passato. Regista di altre pellicole di fama internazionale come My Summer of Love (2004) e Cold War (2018), Pawlikowski è al momento al lavoro sul suo debutto in lingua inglese The Island, che vedrà Joaquin Phoenix e Rooney Mara nei panni di una coppia che si rifugia in un’isola, scappando dalle ipocrisie della società civilizzata.

----------------------------
AUTORI E STILI DI REGIA, UN CORSO ONLINE DELLA REDAZIONE DI SENTIERI SELVAGGI, DAL 27 FEBBRAIO

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative