In the Woods Experience: una passeggiata verso l'ignoto

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Visibile anche qui in HD

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------

In the Woods è un progetto interattivo che deve più di qualcosa a David Lynch, si colloca da qualche parte tra cinema indipendente, videoarte ed esperimento sociologico.

In the Woods Experience di Jennifer Elster, una  passeggiata verso l'ignotoUn “misterioso viaggio esistenziale” che coinvolge attori, registi, musicisti, ma anche astrofisici, cartoonist, supermodelle e geniali studiose autistiche.

Vanta anche il primato del primo brano originale che Yoko Ono ha realizzato per un film. Più facile da sperimentare di persona che da descrivere… ma ci proveremo.

 

La mente è Jennifer Elster, filmaker statunitense che ha lavorato ai concept di foto e video per David Bowie, NIN, Marilyn Manson, Thurston Moore tra gli altri, ed è già autrice di Particles of Truth, presentato al Tribeca Film Festival del 2003 (da lei scritto, diretto, prodotto, e anche interpretato – in coppia con il Gale Harold di Queer as Folk e Desperate Housewives).

IN THE WOODS Experience Questo nuovo progetto è in realtà una trilogia, centrata sul divenire, dal titolo Being, composta da In the Woods, Into the Cave e Into the Studio.

Definito "una passeggiata verso l'ignoto", In the Woods apre diverse video-storie parallele all'interno di un bosco, seminando indizi e costringendo lo spettatore a una vera e propria caccia al tesoro.

Un modo di decostruire il linguaggio visivo e narrativo e cercare un rapporto più profondo con chi guarda.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
 

"La struttura si basa su una raccolta di momenti diversi ed eterogenei, che si intrecciano per creare una narrazione emotiva, misteriosamente unitaria. Ho voluto fondere una sofisticata interattività con l'utente e la narrazione cinematografica per portare sregolatezza e dispersione nella struttura stereotipata di una storia, portando il pubblico a perdersi a fondo nel mondo di In The Woods" spiega Jennifer Elster, autrice degli script insieme a Mick Casale.
 

Moby in IN THE WOODS Experience di Jennifer ElsterIl cast include un gran numero di attori, come i veterani Alan Cumming (Burlesque, The Tempest) Debra Winger (Voglia di tenerezza, Rachel Getting Married, In Treatment) e Karen Black (Cinque pezzi facili, Nashville, Complotto di famiglia, Easy Rider, Il giorno della locusta, Il grande Gatsby) Famke Jassen (X-Men, Nip/Tuck, Hansel and Gretel: Witch Hunter) Rosie Perez (Fearless, Fa la cosa giusta, Taxisti di notte, Human nature, Strafumati) Marlo Thomas (Law & Order: SVU), Gale Harold (Queer as folk, Desperate Housewives).

Ci sono anche alcuni attori-musicisti come Terrence Howard (Hustle and Flow, Crash, Iron Man, On the Road) Will Oldham (meglio noto come Bonnie Prince Billy, visto in Old Joy e New Jerusalem) musicisti come il rapper Ahmir “Questlove” Thompson, Moby, Rufus Wainwright e Dave Matthews (non nuovi a piccole parti come attori, il primo in L'età barbarica, il secondo in Zohan), e registi come Jørgen Leth (The Perfect Human, Le cinque variazioni, Det erotiske menneske).

Alcuni attori di IN THE WOODS di Jennifer ElsterMa anche astrofisici della NASA (Kent Cullers) creatori di cruciverba (Will Shortz) cartoonist (Bob Mankoff) supermodelle (l'etiope Liya Kebede, già vista sul grande schermo in Lord of War e Desert Flower) atlete senza gambe (Aimee Mullins, campionessa paralimpica, che abbiamo visto in Cremaster di Matthew Barney) geniali studiose autistiche (Temple Grandin – interpretata da Claire Danes in un film tv del 2010).

Il progetto vede anche la partecipazione di Yoko Ono, che ha aderito offrendo "selvaggi vocalizzi" originali.

 

 

Per entrare nel bizzarro universo di In The Woods, basta entrare nello splendido sito interattivo.

Tutti i video sono visibili anche sul canale YouTube dedicato; altre chicche nella sezione chiamata "the human experience tour".  Per gli aggiornamenti in progress ci sono anche la pagina Facebook, Twitter e il sito personale di Jennifer Elster.