ITsART, chiude la “Netflix della cultura” italiana

Dopo due anni e un bilancio negativo chiude i battenti la piattaforma voluta dall’ex ministro della cultura Dario Franceschini.

--------------------------------------------------------------
MASTERCLASS DI REGIA ONLINE CON MIMMO CALOPRESTI DAL 5 MARZO

--------------------------------------------------------------

E’ stata messa in liquidazione la piattaforma italiana ITsART, nata in piena pandemia per far conoscere le opere d’arte di grandi maestri e discutere di temi importanti come la cultura, la storia e la società attraverso la fruizione di film e documentari. La “Netflix della cultura” l’aveva chiamata Dario Franceschini nel 2020, convinto che l’iniziativa avrebbe avuto un seguito anche dopo il periodo del lockdown. L’idea originale lanciata dall’ex ministro ai Beni Culturali era di mantenere il progetto vivo anche con l’allentamento delle restrizioni post pandemia, con la visione di concerti ‘dal vivo’ in streaming dove si arrivava a spendere anche 10 euro per il biglietto: “Per esempio, ci sarà chi vorrà seguire la prima della Scala in teatro e chi preferirà farlo, pagando, restando a casa”.

--------------------------------------------------------------
40% DI SCONTO, IL 29 FEBBRAIO! UN’OFFERTA CHE ARRIVA SOLO OGNI 4 ANNI! COGLIETE L’ATTIMO.

--------------------------------------------------------------

Resa disponibile nel Maggio del 2020 per contrastare la crisi dovuta alla pandemia e offrire contenuti culturali con un’altra modalità, ITsART segue il modello On Demand di Chili TV piuttosto che l’abbonamento mensile proposto dalle più rigogliose Netflix, Prime Video o Disney Plus. Su ITsART si va dai 2 euro del noleggio ai 5 euro per l’acquisto di un singolo film, ma l’impasse maggiore è stato che i contenuti in vendita o a noleggio erano spesso reperibili gratis su Youtube o RaiPlay. In due anni si sono registrati al servizio 141 mila utenti in totale, che hanno portato 246 mila euro di incassi a fronte dei 10 milioni di euro investiti da parte dello Stato, e di 9 milioni da parte di Chili per lanciare la piattaforma. Solo nel 2021 sono stati spesi 7,5 milioni per mantenere operativa la piattaforma. Cifre importanti e diseguali che hanno portato al collasso del progetto e all’abbandono dell’iniziativa finanziata dalla Cassa depositi e prestiti in collaborazione con il servizio di streaming meneghino Chili.

----------------------------
CORSO DI SCENEGGIATURA CON FRANCO FERRINI, DAL 12 MARZO!

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative