Lo Hobbit. La desolazione di Smaug in copertina su "Film Tv"

lo hobbit. la dssolazione di smaug su film tvSono gli illustri nuovi arrivi di Lo Hobbit – La desolazione di Smaug a svettare sulla cover di questo numero: entrambi elfi, lei (Evangeline Lilly) è una new entry, lui (Orlando Bloom) è un gradito ritorno. Ma la vera star del secondo capitolo dell'opera tolkieniana è lo sputafuoco del titolo, il misterioso e temibile Smaug. Non è il primo tuttavia a farci sobbalzare sulle poltrone: cogliamo la palla al balzo per tracciare una ricognizione 'mostruosa' dei draghi più celebri, spaventosi (ma anche quelli più buoni) del piccolo e grande schermo, da Game of Thrones a Dragon Trainer (di cui è in arrivo il sequel).

Ci attende inoltre un ricco e raffinato Natale all'inglese: innanzitutto al cinema, con l'arrivo di due film entrambi presenti al Festival di Venezia 2012: Philomena di Stephen Frears, dal 19 dicembre, con la magnifica Judi Dench (le dedichiamo la filmografia essenziale) e il poliedrico Steve Coogan (su di lui un focus); poi, Still Life di Uberto Pasolini, dal 12 dicembre, che ci viene raccontato proprio dal suo regista. 
Ma non finisce qui: in tv approdano i due period drama Parade's End (su Sky Arte Hd dal 16 dicembre alle 22.10) e The White Queen (su SkyUno Hd dal 24 dicembre).

---------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------

A farci tornare coi piedi per terra, nel quotidiano ma con un sorriso, sono invece Ivan Cotroneo e le quattro protagoniste del suo Il Natale della mamma imperfetta, episodio speciale (al cinema il 17 dicembre e il 27 su Rai2 in prima serata) che conclude la seconda stagione. Il suo autore ci svela i dietro le quinte di serie e film, ricordandoci ancora una volta che nessuna mamma è (im)perfetta.

Apre gli Scanners la curiosa commedia in bianco e nero Much Ado About Nothing, tratta (e attualizzata) da Shakespeare e soprattutto diretta, sceneggiata e musicata da quel talento televisivo e cinematografico che è Joss Whedon, il quale – ricordiamo nel box che lo omaggia – al cinema ha recentemente fatto il botto con The Avengers. In tutt'altri lidi ci porta invece il trattenuto, elegante ma bruciante di passione e amor fou The Deep Blue Sea con gli amanti Rachel Weisz e Tom Hiddleston; e la dramedy su una famiglia instabile e disfunzionale Mental, mattatrice Toni Collette.

La rubrica dei libri ha in serbo una lunga dissertazione su Un romanzetto lumpen (Adelphi) del cileno Roberto Bolaño, noir postmoderno già diventato un film (Il futuro di Alicia Scherson). 
Ma occhio anche alle Nuvole in viaggio, in cui parliamo della nuova edizione di Old Boy (Edizioni BD), il manga da cui Park Chan-wook dieci anni fa trasse il suo capolavoro il cui remake di Spike Lee è ora nelle sale. E da non perdere Dieci dicembre (Minimum Fax), raccolta di dieci racconti tra distopia, satira e ironia dolente.

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------

Dei dvd in uscita ci parlano i loro protagonisti: Mark Millar di Kick Ass 2 (Universal H.E.), tratto dal suo irresistibile fumetto omonimo, e Mireille Enos di World War Z (Paramount) in cui è la moglie di Brad Pitt,intento a fronteggiare un'epidemia di zombie. Uno spazio privilegiato meritano inoltre due prestigiose uscite di CGHV: Bellas Mariposas di Salvatore Mereu e Su Re di Giovanni Columbu, tra i più interessanti e vividi esperimenti del cinema italiano nella stagione appena trascorsa.

Riparte MasterChef, la cui terza stagione è in onda da giovedì 19 dicembre su SkyUno Hd alle 21.10, e il Telepass se ne fa dare una gustosa anticipazione da Bruno Barbieri, insieme a Carlo Cracco e Joe Bastianich uno degli inflessibili giudici del talent show culinario.

Il grande cineasta Georges Lautner è scomparso il 22 novembre, e Film Tv lo ricorda con la Locandina in omaggio di uno dei suoi film più celebri, sferzanti e crepuscolari: La fredda alba del commissario Joss, con un disilluso e immenso Jean Gabin e la colonna sonora di Serge Gainsbourg.