LAVORI IN CORSO. Lanthimos, Mendes, David Ayer, Amy Adams, Elijah Wood

Il greco Yorgos Lanthimos è certamente prodigo alle sfide e, non a caso, il suo nuovo progetto ne è un ulteriore segno evidente: il regista è in trattative per trasporre sul grande schermo il romanzo The Hawkline Monster di Richard Brautigan, autore passato alla storia per la sua accesa vena controcultura.

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------
Morto suicida nel 1984, Brautigan pubblicò il testo nel ’74, in un contesto esistenziale complesso e dedito all’infelicità che lo accompagnò fino al tragico epilogo.
Parodia del genere western e gotico in una curiosa fusione, la storia segue le vicende di due pistoleri assoldati da Magic Child. Appena quindicenne, la ragazzina li incarica di uccidere il mostro che vive nelle caverne ghiacciate sotto la cantina della casa di Miss Hawkline.
Un racconto bizzarro a fronte di una strampalata avventura che ha ispirato l’immaginario di diversi registi già in passato: in primis Hal Ashby che, negli anni ’70, dopo aver dedicato anni al progetto assicurandosi nel cast Jack Nicholson e Dustin Hoffman, non ottenne mai l’approvazione di Brautigan.
Un tentativo anche per Tim Burton, con Jack Nicholson e Clint Eastwood in testa al cast, rivelatosi altrettanto fallimentare.
Acquisiti i diritti dalla New Regency, questi ultimi hanno ben pensato al nome di un visionario come Lanthimos. Ci auguriamo sia la volta buona!

—————————————————————————————————————–

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

La Universal Pictures ha diffuso un nuovo trailer dell’atteso 1917, war movie diretto da Sam Mendes che segna il ritorno del regista dopo i due capitoli della saga 007 Spectre e Skyfall.
Studiato come un unico piano sequenza insieme al direttore della fotografia Roger Deakins, il film vede protagonisti Richard Madden, Benedict Cumberbatch e Mark Strong.
Mostrato ad una stretta cerchia della stampa americana, le prime reazioni hanno registrato un picco di entusiasmo tanto da essere già definito “il capolavoro di Mendes”.
Lo script è opera del cineasta stesso con Krysty Wilson-Cairns.
Prodotto insieme alla partner Pippa Harris con la Neal Street Productions, l’uscita italiana del film è fissata per il 23 gennaio 2020.

> CLICCA QUI PER IL TRAILER <

--------------------------------------------------------------------
LE BORSE DI STUDIO PER CRITICA, SCENEGGIATURA, FILMMAKING DELLA SCUOLA SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

—————————————————————————————————————–

Quella di David Ayer è una carriera altalenante e, probabilmente, quella che la Warner Bros ha deciso di affidargli è ciò che si potrebbe definire “la prova del 9”: parliamo del remake di Quella sporca dozzina, cult del 1967 diretto da Robert Aldrich, altro titolo che vorrebbe riportare in auge le glorie passate insieme al già annunciato rifacimento de Il mucchio selvaggio diretto da Mel Gibson.
Ispirato all’omonimo romanzo di E. M. Nathanson, la nota vicenda vede protagonisti un gruppo di carcerati che, sullo sfondo della Seconda Guerra Mondiale e alla vigilia dello sbarco in Normandia, intraprende una missione suicida contro l’esercito tedesco nella speranza di commutazione della pena.
L’originale vedeva protagonisti John Cassavetes, Donald Sutherland, Lee Marvin, Ernest Borgnine e Charles Bronson. Nessuna ipotesi al momento sui volti che prenderanno parte a questa audace rivisitazione.
Ayer non è certamente un novizio del genere, dopo il buon dramma bellico Fury. Basta unire un pizzico di Suicide Squad e, forse, il gioco è fatto.

—————————————————————————————————————–

Il 2020 ha in serbo molti lavori interessanti e, tra questi, uno spazio d’onore si profila per La donna alla finestra, thriller diretto da Joe Wright con protagonista Amy Adams.
Un chiaro omaggio a sir Alfred Hitchcock quello di Wright, che ci racconta la storia di una psicologa infantile affetta da agorafobia. Barricata tra le mura domestiche del suo appartamento di New York, la donna riesce a stringere amicizia con la vicina di casa. Osservandola dalla finestra, la nostra protagonista si convince di assistere all’assassinio della sua nuova amica ma, la realtà delle cose, le mostrerà dei lati ben diversi su ogni fronte.
Insieme alla Adams troveremo Tracy Letts (autore anche della sceneggiatura), Julianne Moore, Gary Oldman, Wyatt Russell, Jennifer Jason Leigh e Anthony Mackie.
Basato sull’omonimo romanzo di Dan Mallory, il film arriverà nelle sale italiane il 14 maggio 2020.

> CLICCA QUI PER IL TRAILER <

—————————————————————————————————————–

Negli ultimi anni Elijah Wood ha mostrato un discreto e vivace interesse per le tematiche horror, in veste di produttore. Basti pensare a pellicole del calibro di Mandy o al recente Daniel Isn’t Real.
Ora, è finalmente giunto il momento di mettersi alla prova davanti alla cinepresa con questo genere che ha tanto seguito negli anni e l’occasione si presta con l’horror comedy Come to Daddy, diretto dall’emergente Ant Thimpson.
Torniamo in Nuova Zelanda, nella terra che enorme successo gli ha dato nei panni di Frodo per Il signore degli anelli di Peter Jackson, e sede di vere e proprie perle del genere.
Qui Elijah Wood è un trentenne californiano desideroso di incontrare il proprio padre dopo un sofferto abbandono sopraggiunto nell’infanzia. L’incontro non si rivela felice come pronosticato dal ragazzo: il padre è infatti un rozzo alcolizzato che vive in una baracca. Tanto più che le cose finiranno col degenerare e il sangue scorrerà impietoso.
Nel cast anche Garfield Wilson, Martin Donovan, Michael Smiley e Simon Chin, per un film che attendiamo veramente di buon gusto.

> CLICCA QUI PER IL TRAILER <