Milano Art Week 2023. Un crescendo di forme artistiche

L’arte moderna e contemporanea sarà protagonista della Milano Art Week. Mostre, serate e eventi nella settimana dell’arte milanese. Dall’11 al 16 aprile

--------------------------------------------------------------
INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA POSTPRODUZIONE, CORSO ONLINE DAL 17 GIUGNO

--------------------------------------------------------------

Al via la settimana dell’arte di Milano. Cinque giorni di mostre, eventi, esibizioni, musica e performance arricchiscono la primavera milanese. La ventisettesima edizione della fiera internazionale d’arte moderna e contemporanea miart è l’evento fieristico italiano con la più ampia offerta artistica. Il titolo dell’edizione 2023 è “Crescendo” e simboleggia la continua espansione della fiera, che dal 14 al 16 ospiterà un totale di 169 gallerie partecipanti provenienti da 27 Paesi. Ma per tutta la settimana dall’11 al 16 aprile, la Milano Art Week, di cui il miart è uno dei cuori pulsanti, vedrà eventi diffusi in tutta la città. Mostre, appuntamenti e tante altre attività offrono al pubblico l’opportunità di scoprire tesori nascosti in strade, palazzi e gallerie, spesso chiuse al pubblico, inaugurando alcune delle mostre più attese della seconda metà del 2023. Milano Art Week 2023 celebra le realtà territoriali ma anche artisti internazionali, offrendo alla città una grande varietà di forme artistiche in movimento. Ecco alcune delle mostre, presentazioni ed eventi da non perdere durante la settimana artistica più importante dell’anno.

--------------------------------------------------------------
CORSO ESTIVO DOCUMENTARIO DAL 24 GIUGNO!

--------------------------------------------------------------

 

----------------------------
UNICINEMA QUADRIENNALE:SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

La personale di Yuri Ancarani al PAC

Al PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano la prima mostra monografica in Italia, curata da Diego Sileo e Iolanda Ratti, realizzata in partnership con il MAMbo di Bologna e dedicata alla ricerca visionaria e poetica di Yuri Ancarani, video artista e film-maker italiano, regista di Atlantide, una delle sorprese più belle del festival di Venezia 2021. Le sue opere nascono dalla commistione fra cinema documentario e arte contemporanea, e sono il risultato di una ricerca spesso tesa ad esplorare regioni poco visibili del quotidiano, realtà in cui l’artista si addentra in prima persona.

 

La retrospettiva di Ann Veronica Janssens a Pirelli Hangar Bicocca

In 40 anni di carriera, Janssens ha costantemente sperimentato con la luce, il suo materiale principale, investigando la natura sensoriale e performativa dello spazio e dell’architettura, dando vita a opere mutevoli ed effimere. La mostra, curata da Roberta Tenconi, è stata concepita come una coreografia estesa che unisce installazioni ambientali a opere più intime, tracciando un percorso visivo, auditivo e tattile. Attraverso atmosfere surreali e segni socio-politici e culturali del nostro tempo, l’esposizione invita il visitatore a immergersi in un mondo tra l’incorporeo e il tangibile.

 

Le Cere Anatomiche a Fondazione Prada

La mostra è concepita in collaborazione con La Specola rimane allestita dal 24 marzo al 17 luglio 2023 e viene arricchita con la partecipazione del regista e sceneggiatore canadese David Cronenberg e il suo inedito cortometraggio dal titolo Four Unloved Women, Adrift on a Purposeless Sea, Experience the Ecstasy of Dissection, realizzato negli spazi della Specola. Il corto introduce queste quattro cere in una dimensione alternativa, esplorando temi come la fascinazione per il corpo umano e le sue possibili mutazioni e contaminazioni. Il film di Cronenberg rivela la dimensione vitale e sorprendente delle ceroplastiche con l’obiettivo di generare una pluralità di nuove risposte emotive, suggestioni intellettuali e intense reazioni.

Retrospettiva dedicata a Dara Birnbaum presso l’Osservatorio della Fondazione Prada

Una mostra antologica che celebra l’opera dell’artista americana, riconosciuta a livello internazionale per il suo lavoro pionieristico nei campi del video, dei mass media e delle installazioni. Una conversazione su come i pregiudizi di genere si riflettono nella rappresentazione delle donne nella televisione e nella videoarte. La mostra “Dara Birnbaum” comprende una selezione di video a canale singolo, opere sonore, installazioni multicanale, fotografie e particolari stampe in 3-D su plexiglas realizzate dall’artista dal 1975 al 2022.

 

----------------------------
SCUOLA DI CINEMA TRIENNALE: SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative