"Winx club 3D - Magica Avventura", di Iginio Straffi


Sono le fatine che hanno ammaliato le bambine italiane ad assumersi l'onore e l'onere di portare l'innovazione tecnologica qui da noi. É attraverso i loro vestitini succinti e le loro ali glitter che l'animazione italiana sfonda le porte dorate della Terza Dimensione, sotto gli occhi di ragazzine estasiate

Winx Club in 3DSono le fatine che hanno ammaliato le bambine italiane ad assumersi l'onore e l'onere di portare l'innovazione tecnologica qui da noi. É attraverso i loro vestitini succinti e le loro ali glitter che l'animazione italiana sfonda le porte dorate della Terza Dimensione, sotto gli occhi di ragazzine estasiate, ma neanche troppo - l'America ha da insegnare anche sul fanatismo, oltre che sul 3D, che nel nostro caso raggiunge un certo coinvolgimento sensoriale solo durante le trasformazioni delle fate.
Il brand Winx è semplice e diretto, ma è proprio dietro uno stile così spontaneamente accantivante che si annida il gioco sottile e pericoloso del geniale inventore, promotore, ed ora regista, delle fashon-fate, Iginio Straffi,  che punta decisamente più in alto nel suo secondo lungometraggio sulle fate, dopo Winx Club - Il segreto del regno perduto.
Il film non è che la punta dell'iceberg, ma emblematico per risalire al significato profondo del fenomeno nel suo complesso. La trama non è esattemente degna di nota, ma tanto per interdersi: streghe cattive, fate buone, un amore impedito, genitori che sbagliano, figli che insegnano. Niente che non venga narrato in qualsivoglia forma da circa 3000 anni, ma non siamo certo qui a denigrare la “banalità degli archetipi”, poiché se il Cinema esiste è perchè queste metafore universali possono essere ancora e sempre reinterpretate nelle scelte drammaturgiche più disparate ed originali. Non ha molto senso, dunque, muovere critiche di presunta banalità ad una favola per bambini (piccoli, inoltre, come in questo caso). Eppure gli adulti possono, devono poter e saper parlare di un film/fenomeno come questo. Innanzitutto, per la miriade di “citazioni” di cui è costellato, da quell' “Albero della Vita” che riaccende ricordi tanto recenti (i primi ricordi in 3D...), fino a quell'unico “germoglio verde”, ultima speranza per la vita che riesce a salvarsi dal lerciume del mondo, e rimanda solo per un momento a quel capolavoro etico/estetico -bisogna dirlo, per adulti o per bambini cresciutelli - che è stato Wall-E.
Ma anche in questo caso, che dire, potrebbe esser valido il discorso di cui sopra: gli archetipi nelle favole ognuno è libero di manovrarli e riutilizzarli a piacimento.
Resta allora qualche possibilità di contrattaccare in modo non banale la banalità? Restiamo ancorati alle parole. Prendiamo qualche battuta come baluardo: mettere in bocca ad una delle pseudo Sailor Moon modaiole “non c'è niente di interessante in televisione eccetto la pubblicità” oppure “il trucco non serve a nascondere ma a svelare la vera anima di una ragazza” reca con se significati ideologici tragici, per i quali la definizione di “antieducativo” è decisamente riduttiva.
Attraverso un look contemporaneo e curatissimo, queste Bratz+superpoteri non sono semplicemente un superficiale elogio all'esteriorità (come dimenticare l'aria altezzosa con cui una di loro esclama, di fronte ad un tizio “out”: “Ma non esiste un Pronto Intervento Moda?”), ma propongono una inquietante prospettiva futura, lucida e concreta, tutt'altro che subliminale: private dei superpoteri, le fate si trovano costrette ad un certo punto ad affrontare alcuni piccoli problemi della vita (dalle faccende domestiche alla fine del mondo) con l'ausilio esclusivo delle proprie forze. Comprendono il valore della fatica per ottenere risultati, e festeggiano la propria soddisfazione (frustrazione?) al Centro Commerciale.
Insomma, il lavoro rende liberi...di fare shopping. E magari la colpa fosse delle Winx.
 
Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 2 commenti
 
  1. Non me l'ha postato tutto. Era così:
    "E riallacciandomi alla tua domanda finale... di questa tua gratuita falsità, di chi è la colpa?"

    Ciao!
    Mauro

    Inviato da Anonimo il 02/11/2010
  2. Ciao Elena,
    ti sei accorta che ognuna delle battute che citi come elemento negativo, quelle inneggianti allo shopping e alla moda, per intenderci, a parte essere LA TOTALITA' delle battute del film inerente quegli argomenti (invece lasci a intendere che quello sia l'argomento principale dei discorsi delle ragazze), sono tutte esclamate dallo stesso personaggio? Personaggio che è lì proprio per parodiare il modello Paris Hilton e che, puntualmente, viene "rimproverata" da tutte le altre ragazze che le sottolineano quali siano invece le cose realmente importanti?
    Penso che tu abbia tutte le competenze per accorgertene tranquillamente da sola senza che te lo faccia notare io ma è molto più facile cedere alla seduzione della piccola moralizzatrice.
    Concludere facendo credere che la morale del film sia "il lavoro rende liberi di fare shopping" non solo è deprimente ma è completamente falso.
    E riallacciandomi alla tua domanda finale... di questa tua gratuita ...

    Inviato da El Mauro il 02/11/2010
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Frozen raggiunge il sesto posto negli incassi mondiali di sempre
Superando anche Transformers 
Tom Hanks protagonista di un thriller sulla Guerra Fredda
Spielberg in trattative per la regia
Tarantino non rinuncia al suo secondo western
Forse The Hateful Eight sarà realizzato
Jessica Chastain nei panni di Marilyn Monroe
In Blonde, ultimo film di Andrew Dominik
È morto Claudio G. Fava
Il giornalista e critico cinematografico aveva 83 anni
Cannes 67 - Nicole Garcia alla Caméra d'or
L'attrice e regista guiderà la giuria delle opere prime
The Amazing Spider-Man 2 in copertina su Film Tv
Intervista a Isabella Ragonese, Tracks e Far East Film Festival
East End il film d'animazione firmato Moccia
Ambientato alla periferia di Roma
On line il sito de La trattativa di Sabina Guzzanti
Con le informazioni sul nuovo film
Di Caprio protagonista di The Revenant
L'attore nella pellicola diretta da Inarritu
Diminuisce l'investimento ma aumenta la produzione di film italiani
Dal rapporto MIBACT e Anica sui numeri del cinema italiano 
Un sequel per Mrs. Doubtfire
Robin Williams ancora protagonista
Nuove rivelazioni su Batman Vs. Superman
Ne parla Zack Snyder
Un Focus sul cinema italiano al Festival di Pechino
Presentati i film di Toni Trupia, Daniele Gaglianone, Francesco Bruni e Matteo Oleotto
Torna Cronenberg con Maps To The Stars
Il film sarà a Cannes ed esce in Italia il 21 maggio
Festival di Cannes. I film di "Un certain regard"
19 titoli in gara
Il film di Alice Rohrwacher corre per la Palma d'Oro
Le meraviglie a Cannes
Jacques Tati in mostra!
un'esposizione fotografica con le migliori scene dei suoi film
Noah non passa in Medio Oriente
 il film di Aronofsky vietato per ragioni culturali
James Franco avrà un cameo in Dawn of the Planet of the Apes
Ma l'attore non ne era a conoscenza
Locke nelle sale dal 30 aprile
la seconda opera di Steven Knight
Festival di Cannes: annunciati i titoli dei corti e Cinéfondation
C'è l'italiano A passo d'uomo di Aloi
David Fincher dice no al biopic su Steve Jobs
Avrebbe avanzato richieste esose alla casa di produzione
Philomena in DVD e Blu Ray
Uscito il 15 aprile  
Tilda Swinton non si considera un'attrice
Ne spiega le ragioni in un'intervista su Variety