"Winx club 3D - Magica Avventura", di Iginio Straffi


Sono le fatine che hanno ammaliato le bambine italiane ad assumersi l'onore e l'onere di portare l'innovazione tecnologica qui da noi. É attraverso i loro vestitini succinti e le loro ali glitter che l'animazione italiana sfonda le porte dorate della Terza Dimensione, sotto gli occhi di ragazzine estasiate

Winx Club in 3DSono le fatine che hanno ammaliato le bambine italiane ad assumersi l'onore e l'onere di portare l'innovazione tecnologica qui da noi. É attraverso i loro vestitini succinti e le loro ali glitter che l'animazione italiana sfonda le porte dorate della Terza Dimensione, sotto gli occhi di ragazzine estasiate, ma neanche troppo - l'America ha da insegnare anche sul fanatismo, oltre che sul 3D, che nel nostro caso raggiunge un certo coinvolgimento sensoriale solo durante le trasformazioni delle fate.
Il brand Winx è semplice e diretto, ma è proprio dietro uno stile così spontaneamente accantivante che si annida il gioco sottile e pericoloso del geniale inventore, promotore, ed ora regista, delle fashon-fate, Iginio Straffi,  che punta decisamente più in alto nel suo secondo lungometraggio sulle fate, dopo Winx Club - Il segreto del regno perduto.
Il film non è che la punta dell'iceberg, ma emblematico per risalire al significato profondo del fenomeno nel suo complesso. La trama non è esattemente degna di nota, ma tanto per interdersi: streghe cattive, fate buone, un amore impedito, genitori che sbagliano, figli che insegnano. Niente che non venga narrato in qualsivoglia forma da circa 3000 anni, ma non siamo certo qui a denigrare la “banalità degli archetipi”, poiché se il Cinema esiste è perchè queste metafore universali possono essere ancora e sempre reinterpretate nelle scelte drammaturgiche più disparate ed originali. Non ha molto senso, dunque, muovere critiche di presunta banalità ad una favola per bambini (piccoli, inoltre, come in questo caso). Eppure gli adulti possono, devono poter e saper parlare di un film/fenomeno come questo. Innanzitutto, per la miriade di “citazioni” di cui è costellato, da quell' “Albero della Vita” che riaccende ricordi tanto recenti (i primi ricordi in 3D...), fino a quell'unico “germoglio verde”, ultima speranza per la vita che riesce a salvarsi dal lerciume del mondo, e rimanda solo per un momento a quel capolavoro etico/estetico -bisogna dirlo, per adulti o per bambini cresciutelli - che è stato Wall-E.
Ma anche in questo caso, che dire, potrebbe esser valido il discorso di cui sopra: gli archetipi nelle favole ognuno è libero di manovrarli e riutilizzarli a piacimento.
Resta allora qualche possibilità di contrattaccare in modo non banale la banalità? Restiamo ancorati alle parole. Prendiamo qualche battuta come baluardo: mettere in bocca ad una delle pseudo Sailor Moon modaiole “non c'è niente di interessante in televisione eccetto la pubblicità” oppure “il trucco non serve a nascondere ma a svelare la vera anima di una ragazza” reca con se significati ideologici tragici, per i quali la definizione di “antieducativo” è decisamente riduttiva.
Attraverso un look contemporaneo e curatissimo, queste Bratz+superpoteri non sono semplicemente un superficiale elogio all'esteriorità (come dimenticare l'aria altezzosa con cui una di loro esclama, di fronte ad un tizio “out”: “Ma non esiste un Pronto Intervento Moda?”), ma propongono una inquietante prospettiva futura, lucida e concreta, tutt'altro che subliminale: private dei superpoteri, le fate si trovano costrette ad un certo punto ad affrontare alcuni piccoli problemi della vita (dalle faccende domestiche alla fine del mondo) con l'ausilio esclusivo delle proprie forze. Comprendono il valore della fatica per ottenere risultati, e festeggiano la propria soddisfazione (frustrazione?) al Centro Commerciale.
Insomma, il lavoro rende liberi...di fare shopping. E magari la colpa fosse delle Winx.
 
Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 2 commenti
 
  1. Non me l'ha postato tutto. Era così:
    "E riallacciandomi alla tua domanda finale... di questa tua gratuita falsità, di chi è la colpa?"

    Ciao!
    Mauro

    Inviato da Anonimo il 02/11/2010
  2. Ciao Elena,
    ti sei accorta che ognuna delle battute che citi come elemento negativo, quelle inneggianti allo shopping e alla moda, per intenderci, a parte essere LA TOTALITA' delle battute del film inerente quegli argomenti (invece lasci a intendere che quello sia l'argomento principale dei discorsi delle ragazze), sono tutte esclamate dallo stesso personaggio? Personaggio che è lì proprio per parodiare il modello Paris Hilton e che, puntualmente, viene "rimproverata" da tutte le altre ragazze che le sottolineano quali siano invece le cose realmente importanti?
    Penso che tu abbia tutte le competenze per accorgertene tranquillamente da sola senza che te lo faccia notare io ma è molto più facile cedere alla seduzione della piccola moralizzatrice.
    Concludere facendo credere che la morale del film sia "il lavoro rende liberi di fare shopping" non solo è deprimente ma è completamente falso.
    E riallacciandomi alla tua domanda finale... di questa tua gratuita ...

    Inviato da El Mauro il 02/11/2010
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

VENEZIA 71: Italy in a Day in sala e in tv
Il film di Salvatores presentato oggi fuori concorso
Al via le riprese di Un Natale stupefacente
Volfango de Biasi gira con Ambra Angiolini e Lillo & Greg 
Le leggi del desiderio di Silvio Muccino
il regista sul set della nuova commedia con Nicole Grimaudo
VENEZIA 71 - Flashmob delle 'fuxiane' per "Dancing with Maria"
Hanno ballato prima della tradizionale passerella
VENEZIA 71 - Applausi per Mario Martone
Il Giovane Favoloso convince la stampa
Hackerato lo smartphone di Jennifer Lawrence
le immagini nude dell'attrice sono finite subito in rete
Hollywood, estate nera al box office
nessun film oltre i 300 milioni: gli incassi peggiori dal 1997  
Oscar alla carriera per Harry Belafonte
 premiati anche Hayao Miyazaki, Maureen O'Hara e Jean-Claude Carrière
VENEZIA 71 - "Anime nere" conquista la stampa estera
 il film di Munzi paragonato a Visconti e Coppola 
VENEZIA 71 - Tatti Sanguineti: "Io non sono Bruno Vespa"
così l'autore di Giulio Andreotti-Il cinema visto da vicino sul suo metodo di lavoro.  
VENEZIA 71 - Pacino e Levinson premiati
All'attore e al regista è stato consegnato il  premio Mimmo Rotella
VENEZIA - Larry Clark non ci sarà
Per motivi personali
VENEZIA 71 - Molto positiva l'accoglienza internazionale per "Anime nere"
"Telegraph" l'ha paragonato a Visconti e a Il Padrino
VENEZIA 71 - AI Deproducers il premio Ho Visto Una Canzone
Per Italy in a Day di Salvatores
VENEZIA 71 - Molto applaudito Peter Bogdanovich
Per il film She's Funny That Way in Fuori concorso
VENEZIA 71 - Dove c'è fumo...c'è Emergency!
effetti speciali sul red carpet per i 20 anni dell'associazione umanitaria
VENEZIA 71 - Scamarcio: "Distribuite 'La vita oscena" di De Maria
l'attore, produttore associato del film, lancia un appello ai distributori italiani
Nozze segrete per Brad Pitt e la Jolie
 i due si sono sposati il 23 agosto in Francia
VENEZIA 71 - Omaggio ad Alberto Lattuada per Senza pietà
In occasione del centenario della nascita del regista
VENEZIA 71 - Fischi e applausi per La vita oscena di De Maria
Alle proiezione per il pubblico in Sala Darsena
VENEZIA 71 - Due sedie vuote per Mohammadi e Sentsov
Lasciate simbolicamente vuote ieri durante la presentazione della Giuria
VENEZIA 71 - Le Winx sul Red Carpet
per festeggiare il nuovo film Winx Club – Il Mistero degli Abissi in uscita a settembre
VENEZIA 71 - Applausi per Melbourne
Opera prima iraniana alla Settimana della critica
VENEZIA 71 - Il film su Andreotti in Laguna
Domani sarà  la giornata del documentario  di Tatti  Sanguineti
VENEZIA 71 - Quentin Dupieux assente per gravi motivi personali
Il suo film, Reality, presentato in Orizzonti