"Winx club 3D - Magica Avventura", di Iginio Straffi


Sono le fatine che hanno ammaliato le bambine italiane ad assumersi l'onore e l'onere di portare l'innovazione tecnologica qui da noi. É attraverso i loro vestitini succinti e le loro ali glitter che l'animazione italiana sfonda le porte dorate della Terza Dimensione, sotto gli occhi di ragazzine estasiate

Winx Club in 3DSono le fatine che hanno ammaliato le bambine italiane ad assumersi l'onore e l'onere di portare l'innovazione tecnologica qui da noi. É attraverso i loro vestitini succinti e le loro ali glitter che l'animazione italiana sfonda le porte dorate della Terza Dimensione, sotto gli occhi di ragazzine estasiate, ma neanche troppo - l'America ha da insegnare anche sul fanatismo, oltre che sul 3D, che nel nostro caso raggiunge un certo coinvolgimento sensoriale solo durante le trasformazioni delle fate.
Il brand Winx è semplice e diretto, ma è proprio dietro uno stile così spontaneamente accantivante che si annida il gioco sottile e pericoloso del geniale inventore, promotore, ed ora regista, delle fashon-fate, Iginio Straffi,  che punta decisamente più in alto nel suo secondo lungometraggio sulle fate, dopo Winx Club - Il segreto del regno perduto.
Il film non è che la punta dell'iceberg, ma emblematico per risalire al significato profondo del fenomeno nel suo complesso. La trama non è esattemente degna di nota, ma tanto per interdersi: streghe cattive, fate buone, un amore impedito, genitori che sbagliano, figli che insegnano. Niente che non venga narrato in qualsivoglia forma da circa 3000 anni, ma non siamo certo qui a denigrare la “banalità degli archetipi”, poiché se il Cinema esiste è perchè queste metafore universali possono essere ancora e sempre reinterpretate nelle scelte drammaturgiche più disparate ed originali. Non ha molto senso, dunque, muovere critiche di presunta banalità ad una favola per bambini (piccoli, inoltre, come in questo caso). Eppure gli adulti possono, devono poter e saper parlare di un film/fenomeno come questo. Innanzitutto, per la miriade di “citazioni” di cui è costellato, da quell' “Albero della Vita” che riaccende ricordi tanto recenti (i primi ricordi in 3D...), fino a quell'unico “germoglio verde”, ultima speranza per la vita che riesce a salvarsi dal lerciume del mondo, e rimanda solo per un momento a quel capolavoro etico/estetico -bisogna dirlo, per adulti o per bambini cresciutelli - che è stato Wall-E.
Ma anche in questo caso, che dire, potrebbe esser valido il discorso di cui sopra: gli archetipi nelle favole ognuno è libero di manovrarli e riutilizzarli a piacimento.
Resta allora qualche possibilità di contrattaccare in modo non banale la banalità? Restiamo ancorati alle parole. Prendiamo qualche battuta come baluardo: mettere in bocca ad una delle pseudo Sailor Moon modaiole “non c'è niente di interessante in televisione eccetto la pubblicità” oppure “il trucco non serve a nascondere ma a svelare la vera anima di una ragazza” reca con se significati ideologici tragici, per i quali la definizione di “antieducativo” è decisamente riduttiva.
Attraverso un look contemporaneo e curatissimo, queste Bratz+superpoteri non sono semplicemente un superficiale elogio all'esteriorità (come dimenticare l'aria altezzosa con cui una di loro esclama, di fronte ad un tizio “out”: “Ma non esiste un Pronto Intervento Moda?”), ma propongono una inquietante prospettiva futura, lucida e concreta, tutt'altro che subliminale: private dei superpoteri, le fate si trovano costrette ad un certo punto ad affrontare alcuni piccoli problemi della vita (dalle faccende domestiche alla fine del mondo) con l'ausilio esclusivo delle proprie forze. Comprendono il valore della fatica per ottenere risultati, e festeggiano la propria soddisfazione (frustrazione?) al Centro Commerciale.
Insomma, il lavoro rende liberi...di fare shopping. E magari la colpa fosse delle Winx.
 
Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 2 commenti
 
  1. Non me l'ha postato tutto. Era così:
    "E riallacciandomi alla tua domanda finale... di questa tua gratuita falsità, di chi è la colpa?"

    Ciao!
    Mauro

    Inviato da Anonimo il 02/11/2010
  2. Ciao Elena,
    ti sei accorta che ognuna delle battute che citi come elemento negativo, quelle inneggianti allo shopping e alla moda, per intenderci, a parte essere LA TOTALITA' delle battute del film inerente quegli argomenti (invece lasci a intendere che quello sia l'argomento principale dei discorsi delle ragazze), sono tutte esclamate dallo stesso personaggio? Personaggio che è lì proprio per parodiare il modello Paris Hilton e che, puntualmente, viene "rimproverata" da tutte le altre ragazze che le sottolineano quali siano invece le cose realmente importanti?
    Penso che tu abbia tutte le competenze per accorgertene tranquillamente da sola senza che te lo faccia notare io ma è molto più facile cedere alla seduzione della piccola moralizzatrice.
    Concludere facendo credere che la morale del film sia "il lavoro rende liberi di fare shopping" non solo è deprimente ma è completamente falso.
    E riallacciandomi alla tua domanda finale... di questa tua gratuita ...

    Inviato da El Mauro il 02/11/2010
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Cinema e Storia su YouTube.
Ecco il progetto free della British Pathé.
Realtà e sogno al lavoro – una monografia su Christopher Nolan
Di Simone Santi Amantini
Roman Polanski di nuovo negli States?
Si riapre il caso giudiziario del 1978
Orlando Bloom e i Pirati dei Caraibi 5: ritornerà Will Turner?
Sceneggiatura da definire, sbarcherà a luglio 2017?
Il ritorno di Hal Hartley nella sezione Panorama della Berlinale
Ci sarà anche il director's cut di Studio 54
Posticipata l'uscita di White God
Sarà in sala a febbraio 2015
Cate Blanchett "Lo Hobbit" in copertina su Film Tv
Interviste a Martin Freeman, Francesco Montanari, Gabriele Salvatores e focus su Sam Peckinpah
Tom Hanks protagonista di The Circle
E’ lui l’uomo di Dave Eggers.
Appello di Claudia Cardinale al Governo
L'attrice denuncia l’assenza dei finanziamenti
Le anteprime di Alice nella città da oggi al 20 dicembre
Salvatores, Jeunet, Big Hero 6, Paddington
Selma verso gli Oscar
Con quattro candidature ai Golden Globes.  
Terminale le riprese di Poli opposti con Luca Argentero e Sarah Felberbaum
E' il primo lungometraggio di Max Croci
A gennaio in sala I cavalieri dello zodiaco – La leggenda del grande tempio
Distribuito da Key Films
Wanted, una nuova distribuzione
I primi titoli distribuit tra marzo e aprile 2015
Anteprima per le scuole di Big Hero 6 a Roma all'Auditorium
Il 18 dicembre, stesso giorno dell'uscita del film in sala
Gemma Bovery in sala a febbraio
Di Anne Fontaine con Gemma Arterton
Edgar Ramirez nel prossimo David O. Russell
Si chiamerà Joy
Il Sole 24 Ore in edicola con Totò
Ogni martedì un film dell'Antologia della risata accompagnerà il quotidiano 
Rubata la sceneggiatura di Spectre
Per la Sony le riprese continueranno nonostante l'attacco degli hacker
Gli Showrunner americani raccontati da VVVVID
a Sentieri Selvaggi venerdì 19 dicembre
David Letterman lascia il suo show
Al suo posto il comico Stephen Colbert  
Pride trionfa al botteghino
Nel primo weekend è dietro solo ad Aldo, GIovanni e Giacomo
Malick, Greenaway e German in concorso alla Berlinale
Fuori competizione anche Cinderella di Branagh
Il River to River Florence Indian Film Festival chiude con 8000 presenze
 40 prime, 15 ospiti e 3 titoli vincitori
Black Sea vince il Leone nero al Courmayer Noir in Festival
Ha avuto l'88,4% dei consensi