Cervino International Film Festival

Nella spettacolare conca del Cervino ha luogo ogni anno il Cervino International Film Festival, la rassegna di film di montagna, esplorazione, avventura, ambiente, clima, cultura e sport. Dal 19 al 23 luglio. Omaggio ad Alida Valli.

Cervino International Film Festival
IX edizione

19-23 luglio 2006
Breuil – Cervinia    Cinéma des Guides
Valtournenche   Sala Congressi Comunale


Torna a fine luglio, dal 19 al 23, il festival più alto del mondo

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------


Nella spettacolare conca del Cervino ha luogo ogni anno il Cervino International Film Festival, la rassegna di film di montagna, esplorazione, avventura, ambiente, clima, cultura e sport.
Diretto da Valeriana Rosso, il festival ­ nato nel 1998 ­ propone per questa nona edizione un fitto calendario di appuntamenti: oltre ai vari concorsi con partecipazione di circa 30 film (anche un premio per il miglior film di alpinismo che viene assegnato dal CAI) gli eventi speciali si confermano come un momento di promozione e di divulgazione di film di difficile reperibilità.

Così, si è voluto ricordare Alida Valli, la grande attrice italiana recentemente scomparsa, con il raro The White Tower (La Torre bianca, Usa 1950), film che racconta di una drammatica ascensione, girato insieme a Glenn Ford in Alta Savoia e nelle Alpi Cozie. Una pellicola data praticamente per dispersa e di cui si sono ritrovate le tracce presso il Museo della Montagna di Torino.

Sempre in collaborazione con il Museo della Montagna, verrà presentato Yukon Jake del 1924, comica interpretata dal famosissimo all¹epoca Ben Turpin.

Il cinema muto è presente anche con un contributo del Museo Nazionale del Cinema che ha ripescato nei suoi archivi rarissimi filmati di cinema di montagna.

La Valle d¹Aosta, regione che ospita il festival, è raccontata invece da La Valle cambia: 1950-1970, un documentario firmato da Stefano Viaggio e prodotto da Rai Vd¹A. Gli anni dei grandi cambiamenti nella regione autonoma rivissuti attraverso la politica, la creazione di infrastrutture, il sociale.

41 fotografie per un percorso denso e poetico compongono la mostra di Eva L. Maffei Gueret Il gigante di ghiaccio, che fanno rivivere l¹avventura di padre Alberto Maria De Agostini che, nel 1956, ritorna alla Terra del Fuoco con una spedizione alpinistico-scientifica alla conquista del Monte Sarmiento e del Monte Italia: un racconto di vita vissuta nell¹intensa volontà di arrivare, in uno scenario di un¹esplorazione che non si ferma davanti a nulla.

Il Cervino International Film Festival è socio fondatore dell¹Alliance for Mountain Film, organismo che annovera tra i suoi soci i 16 più importanti festival di montagna di tutto il mondo, tra cui Banff [Canada], Telluride e Taos [Usa], Poprad [Slovacchia], Teplice Nad Metuji [Repubblica Ceca], Trento [Italia], Les Diablerets [Svizzera], Autrans [Francia], Kendal [Gran Bretagna], Graz [Austria], Mosca [Russia] e Torello [Spagna].

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #7


Cervino International Film Festival

Dal 20 al 24 luglio 2005 si svolgerà a Breuil-Cervinia (Cinéma des Guides) e a Valtournenche (Sala Congressi Comunale), l'ottava edizione del CERVINO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL.

8° Cervino International Film Festival

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------

http://www.promocinema.org/cervinofilmfestival   


ufficio stampa: Loredana Leconte 011,9174607  348,2251419


Cinema des Guides (durante il festival) 0166,949473

--------------------------------------------------------------------
BANDO PER 5 POSTI PER CORSO CRITICA DIGITALE

--------------------------------------------------------------------

 


 


Cervino International Film Festival


VIII edizione


 


20-24 luglio 2005


Breuil – Cervinia    Cinéma des Guides


Valtournenche   Sala Congressi Comunale


 



 


Non solo eplorazione, alpinismo e avventura: ormai i temi legati alla montagna e al cinema che se ne occupa spaziano a 360 gradi. Tra i numerosissimi filmati (quasi un centinaio) giunti per la selezione dell'ottava edizione del Cervino International Film Festival, uno degli argomenti che dominano è quello dell'ambientalismo.


L'ambiente degradato, le lotte politiche per aggiudicarsi i beni naturali, il pericolo di estinzione che tocca migliaia di specie faunistiche, i ghiacciai che si ritirano, il disbocamento selvaggio degli ultimi polmoni di ossigeno del pianeta sono temi ormai imprescindibili da qualsiasi discorso sulla natura.


Così il Cervino International Film Festival propone nelle sue varie sezioni – oltre a ricordare quest'anno il 60° della Liberazione e il 140° anniversario della prima scalata al Cervino – uno spaccato estremamente variegato della questione ambientale, con la partecipazione anche per questa edizione del meteorologo Luca Mercalli.


La Valle d'Aosta, dal canto suo, viene omaggiata con il contributo dei film girati nella regione dalla Rai negli anni precedenti il 1979, anno di istituzione della sede regionale Rai Vd'A.


Per la prima volta, quest'anno, il catalogo del festival verrà pubblicato in parte anche in francese, in omaggio al bilinguismo della Valle d'Aosta. Il testo francese sarà a cura dell'Alliance Française de la Vallée d'Aoste.


 


 


Dal 20 al 24 luglio 2005 si svolgerà a Breuil-Cervinia (Cinéma des Guides) e a Valtournenche (Sala Congressi Comunale), l'ottava edizione del CERVINO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL.


Con una sessantina di film nelle diverse sezioni, il festival nato nel 1998 si propone di divulgare, promuovere e valorizzare la cinematografia di montagna, di avventura, di esplorazione e di ambiente.


Diretta da Valeriana Rosso e presieduta da Antonio Carrel, la manifestazione, che si svolge sotto lo scenario spettacolare del Cervino, quota 2000 metri, è il festival "più alto del mondo"!


Il festival adotta da sempre una formula particolare che garantisce un livello qualitativo molto alto, proponendo una selezione di film provenienti da tutto il mondo attraverso la partecipazione di opere premiate nei più importanti festival di settore esistenti: Banff [Canada], Telluride e Taos [Usa], Poprad [Slovacchia], Teplice Nad Metuji [Repubblica Ceca], Trento [Italia], Les Diablerets [Svizzera], Autrans [Francia], Kendal [Gran Bretagna], Mosca [Russia] e Torello [Spagna].


Il festival, così come l'Associazione Culturale Promocinema che lo organizza, è socio fondatore dell'International Alliance for Mountain Film, che raggruppa i 14 festival di settore più importanti del mondo e il Museo Nazionale della Montagna di Torino.


 


Tra i film presentati al festival, una trentina partecipano al concorso che assegna i seguenti premi:


1° Premio per la categoria Lungometraggi di 1500 euro


1° Premio per la categoria Gran Premi (film premiati nei festival di settore) 3000 euro


1° Premio per la categoria Documentari 2000 euro


1° Premio per la categoria Cortometraggi 1000 euro


Premio Speciale della Giuria per il Miglior Film di Alpinismo (categoria documentari) offerto dal CAI Club Alpino Italiano 1000 euro


Premio Documè – Miglior film tra tutti quelli (in concorso e fuori concorso) presentati al Festival consistente nella circuitazione del film vincitore nel circuito Documè


 


Eventi e Retrospettive


Il Festival da sempre propone una serie di eventi che fanno da corollario al Concorso, avvalendosi della collaborazione di studiosi, critici, festival e istituzioni nazionali e internazionali.


 


Eventi speciali – in collaborazione con il Museo Nazionale della Montagna


Il Museo Nazionale della Montagna di Torino ogni anno presenta un filmato raro, continuando la collaborazione nata con il Festival. Quest'anno potremo vedere ben tre film proposti dal Museo: un documentario del 1955 della Settimana INCOM dove un grande Cristo in bronzo viene portato sulla cima del Balmenhorn nel gruppo del Monte Rosa; un film di avventura e formazione sempre degli anni Cinquanta, con un cast internazionale e infine, nella serata di chiusura festival, una deliziosa comica firmata da Larry Semon, che in Italia è conosciuto con il nome di Ridolini.


Il Cristo delle vette – di Roberto Peragallo Settimana Incom (Italia 1955)


Ridolini nella segheria – The Sawmill di Larry Semon e Norman Taurog  (Usa 1922)


La sfida del terzo uomo – Third Man on the Mountain di Ken Annakin (Usa 1959)


 


Eventi speciali – in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema


Altra collaborazione prestigiosa, inaugurata con "Maciste Alpino" nel 2000, è quella con il Museo Nazionale del Cinema, con la proiezione di film conservati nella Cineteca del Museo, al cui restauro il Festival contribuisce finanziariamente.


Quest'anno il MNC propone due rari filmati di montagna, girati entrambi a Sauze d'Oux negli anni Venti/Trenta, recuperati negli archivi dell'ANA (Associazione Nazionale Alpini), sezione di Torino.


L'inaugurazione del rifugio Ciao Pais Soc. Anom. F.A.C.E. Torino (Italia)


VIII campionato di sci alla presenza di S.A.R. il Principe di Piemonte (Italia)


 


Eventi speciali – in collaborazione con Rai Vd'A


La scorsa edizione, ha riscosso grande successo la Retrospettiva curata insieme alla sede RAI Vd'A presso la Sala Congressi Comunale di Valtournenche. Insieme alla RAI, Sede Regionale per la Valle d'Aosta, il Festival presenterà quest'anno una selezione di film girati negli anni precedenti il 1979 (anno di istituzione della sede regionale): si tratta di pellicole tratte dagli archivi RAI, che ci mostrano la Valle d'Aosta com'era un tempo e che hanno come tema soprattutto il Cervino, volendo ricordare in questo modo i 140 anni della prima scalata, ricorrenza che cade proprio nel luglio 2005. Materiali di archivio rarissimi, con interviste degli anni '50 a personaggi quali Achille Compagnoni e Luigi Carrel e a tutte le più grandi guide alpine dell'epoca.


Ritorno al Cervino di Maurizio Corgnati (Italia 1958)


Il mestiere di guida (Italia1961)


La conquista del Cervino di Alberto Pandolfi (Italia 1965)


 


Eventi speciali – Set sul Breuil – in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale


Due lungometraggi dalle diverse atmosfere per ritornare al cinema italiano degli anni Trenta e Quaranta e sul come i nostri registi raccontassero la montagna. Ambedue i film sono girati in parte al Breuil.


La dama bianca di Mario Mattoli (Italia 1938)


La donna della montagna di Renato Castellani (Italia 1943)


 


Eventi Speciali – La Resistenza e la Valle d'Aosta


In collaborazione con l'Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza, Rai Sede Regionale per la Valle d'Aosta, Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea in Valle d'Aosta


La giornata di venerdì è dedicata a Valtournenche alla Resistenza.


Il Festival vuole ricordare i 60 anni che sono passati dalla Liberazione con un breve excursus dedicato alla Resistenza e a come venne vissuta in Valle d'Aosta. Dopo sessant'anni, vedremo l'entrata dei partigiani ad Aosta, sentiremo le testimonianze di coloro che hanno vissuto quel momento, ripercorreremo i sentieri di montagna di quei tanti che li hanno attraversati per cercare di arrivare – durante l'occupazione nazista e la repubblica di Salò – alla neutrale Svizzera.


Cosa non sempre facile, come ci viene narrato da alcuni di quei testimoni: donne e uomini, vecchi e bambini che dovevano non solo salire per sentieri scoscesi, ma anche nascondersi alle pattuglie, non farsi vedere, non farsi sentire. E non sempre l'asilo era assicurato: qualche volta si era rimandati indietro…


Da Edi Consolo, partigiano e diplomatico e quindi cartografo, alla vicenda di Luigi Einaudi, esule in Svizzera con la famiglia. Di Ottavio Bérard, fotografo e regista, potremo vedere il film che ricostruisce la vita e le vicende dei partigiani valdostani, interpretato dagli stessi protagonisti: scene ricostruite e frammiste a scene autentiche, come quella dell'uscita dei tedeschi da Aosta e la liberazione dei prigionieri dalle carceri.


Testimonianze orali anche quelle recuperate negli anni Settanta da Paolo Gobetti, che intervista vecchi partigiani. Un doveroso ricordo viene dedicato anche a uno dei nostri più grandi scrittori, Primo Levi, che passò anche lui per queste valli.


Le Alpi, la Resistenza, i paesaggi – una testimonianza di Edi Consolo di Elena Valsania (Italia 2004)


Testimonianze e ricordi sulla Resistenza in Val d'Aosta a cura dell'Ancr (Italia 1975)


Lotta partigiana in Valle d'Aosta di Ottavio Bérard (Italia 1945) a cura di Alessandra Miletto in collaborazione con Rai Vd'A


Luigi Einaudi. Diario dell'esilio svizzero di Villi Hermann (Svizzera 2000)


 


Omaggio alla Francia


Sempre nella giornata di venerdì, a Breuil-Cervinia un programma tutto francese, anche per rendere omaggio al bilinguismo della Valle d'Aosta e alla collaborazione del Centre Culturel Français di Torino e dell'Alliance Française de la Vallée d'Aoste che contribuisce per la prima volta alla traduzione di parte del catalogo in lingua francese.


Il programma prevede in serata una selezione di spot pubblicitari in collaborazione con il Festival di Autrans, il cui tema è la montagna.


Sarà presente Jean-Pierre Bailly, il vincitore dell'edizione 2005 del prestigiosissimo Premio dell'International Alliance for Mountain Film, produttore di numerosi film di montagna che ha lavorato con i più grandi alpinisti e registi. Jean-Pierre Bailly presenterà due film della sua casa di produzione, la MC4:


Cristophe di Nicolas Philibert (Francia 1985)


Le Dernier Trappeur di Nicolas Vanier (Francia 2004), in concorso nella sezione lungometraggi


Anteprima: Il film esce nelle sale italiane in autunno distribuito da Mikado.


Per proseguire con il programma dedicato alla Francia, seguiranno quindi i cortometraggi:


Pad' Panic di Frédéric Boulin, Julien Moulinier, Chloé Bocktaels e Mickael Duval (Francia 2003)


Bus Stop di Blandine Le Cointe, Thierry Nguyen, Baptiste Sola, Olivier Sthaphylas (Francia 2003)


e il Making Of di "La Marche de l'Empereur", in uscita nelle sale italiane: si tratta di


Des Manchots et des Hommes di Luc Jacquet e Jérôme Maison (Francia 2004).


Una full immersion nel mondo antartico di due coraggiosi cineasti che raccontano il diario della loro impresa, per mesi abbandonati in mezzo ai pinguini.


 


Incontri e presentazione libri


L'attualità e l'urgenza di temi ambientali quali la preoccupazione per i cambiamenti climatici saranno affrontati in un incontro con Luca Mercalli cui partecipano anche Legambiente e WWF, con la presentazione del libro di Luca Mercalli e Chiara Sasso Le mucche non mangiano cemento.


Carovana delle Alpi, la campagna nazionale di Legambiente -in collaborazione con il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio- che ha come obiettivo la valorizzazione della qualità ambientale, economica e culturale della montagna italiana, parte come ogni anno alla conquista di nuove vette di sostenibilità ambientale nell'arco alpino italiano. La conferenza stampa di lancio della campagna 2005 avrà luogo mercoledì 20 alle ore 18,30 all'Hostellerie des Guides di Breuil-Cervinia.


 


Un nuovo premio al Cervino International Film Festival


Una giuria, scelta da Documè, premierà un film scelto tra tutti quelli – in concorso e fuori concorso – presentati al Cervino International Film Festival 2005.


Il Premio consiste nella circuitazione del film vincitore nelle sale del circuito Documè.


L'Associazione Documè, Circuito Indipendente del Documentario di Carattere Etico e Sociale, premierà il film in grado di rappresentare al meglio peculiari racconti della realtà, opere in grado di porre uno sguardo autoriale sensibile e attento sui fatti del mondo e della vita.


 


Alpiteam e Comunità Arca di Como


Per il quarto anno consecutivo, il Festival ospita i ragazzi della comunità Arca di Como.


Un interesse sempre vivo per i temi sociali e un occhio attento alle nuove metodologie per il recupero di ragazzi disadattati: la Comunità Arca di Como si occupa del reinserimento di questi ragazzi, offrendo loro la possibilità di frequentare un corso di alpinismo. In un convegno organizzato alcune edizioni fa durante il Festival, che aveva visto anche la partecipazione di Don Ciotti e del Vescovo di Aosta, era stato confermato il potere terapeutico della pratica della montagna.


Durante questi stages, e sull'esperienza di questi ragazzi, è stato girato un documentario presentato al Festival.


 


Cinema, mostre fotografiche, presentazioni di libri, incontri: il Cervino International Film Festival è questo e molto di più.


 


Le giurie


Concorso lungometraggi – Concorso cortometraggi – Concorso Gran Premi


Jean Afanassief (Francia) alpinista e regista – Ornella Badéry (Italia) dirigente del Consiglio Regionale della Valle d'Aosta – Stefano Boni (Italia) Museo Nazionale del Cinema


 


Concorso documentari


Pino Brambilla (Italia) Presidente della Commissione Cinematografica del CAI – Joan Salarich (Spagna) direttore del Festival di Cinema di Montagna di Torello – Tibor Kocsis (Ungheria) regista


 


Premio Documè


Luca Franco (Italia) regista – Giuliano Girelli (Italia) fondatore Progetto Documè – Emma Rossi-Landi (Italia) regista


 


 


Storia del Festival: Giuria e Ospiti


Nel corso degli anni, il festival ha ospitato a Cervinia nomi prestigiosi nel campo del cinema e della montagna, annoverando tra i giurati Alberto Barbera, Stefano Della Casa, Franco Prono, Aldo Audisio, Sara Cortellazzo, Lynn Hill, Kristzof Wielicki, Ezio Torta, Stefano Francia, Kurt Diemberger, Paola Olivetti, Mia Santanera, Vittoria Castagneto, Mario Brenta, Fulvio Mariani per citarne alcuni.


 


Tra gli ospiti, Riccardo Cassin, Tomaz Humar, Catherine Destivelle, Walter Bonatti, Sergio Martini, Luca Mercalli, Mario Tozzi, Giovanni Zanetti, Bahman Ghobadi, Daniele Gaglianone, Alfieri Canavero, Renzo Martinelli, Blasco Giurato, Roberto Andreucci, Gerhard Baur, Bruno Boschetto, Gianni Volpi, Lodovico Sella, Denis Ducroz, Jean Afanassieff, Jean-Pierre Bailly, Michael Dillon, Pierre-Antoine Hiroz e molti altri registi e direttori di festival internazionali.


 


 


 


 


Info


Promocinema – Torino


Tel-fax 011,837538 cell.335,6881182


www.promocinema.org/cervinofilmfestival   info@promocinema.org


Cinéma des Guides Breuil-Cervinia tel. 0166,949473


 


Ufficio stampa


Loredana Leconte  loredanaleconte@tiscali.it  348,2251419


 


Ufficio ospitalità


Bruna Ponti brunaponti@tiscali.it


 


Proiezioni


Cinéma des Guides via Jean-Antoine Carrel 32  Breuil-Cervinia tel 0166,949473


Sala Congressi Comunale Piazza Jean-Antoine Carrel Valtournenche


Ingresso libero


Tutti i film sono in versione originale con traduzione simultanea in italiano


 


 


Cervino International Film Festival


Socio Fondatore International Alliance for Mountain Film


 


Regione Autonoma Valle d'Aosta


Région Autonome Vallée d'Aoste – Assessorato Turismo, Sport, Commercio, Trasporti e Affari Europei Assessorat du Tourisme, des Sports, du Commerce, des Transports et des Affaires Européennes


Conseil de la Vallée – Consiglio Regionale della Valle d'Aosta


Comune di Valtournenche – Commune de Valtournenche


Associazione Culturale Promocinema


International Alliance for Mountain Film


 


Compagnia di San Paolo


Fondazione CRT


Club Alpino Italiano


RAI Sede Regionale per la Valle d'Aosta


Museo Nazionale del Cinema di Torino


Museo Nazionale della Montagna di Torino


 


 



 


Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza


DAMS Mediateca del Cinema Indipendente Italiano


National Geographic Channel


La Stampa


WWF Italia-onlus


Legambiente


Associazione Docume'


Comunità Montana Monte Cervino


Unione Internazionale Associazioni Guide Alpine


Unione Valdostana Guide di Alta Montagna


 


Cave du Vin Blanc de Morgex et de La Salle


Fromagerie de la Vallée du Marmore


Compagnia Valdostana delle Acque


Casinò de la Vallée


Sport&Promozione


Club Med


La Grolla


Montura


Ronco Alpinismo


Gruppo Banca Sella


Battiston Professional Congress


 


Alliance Française de la Vallée d'Aoste


Ambassade de France en Italie – Service Culturel


Centre Culturel Français de Turin


Goethe Institut Turin


Forum Austriaco di Cultura a Milano


Istituto Culturale dell'Ambasciata della Repubblica Islamica dell'Iran


Ambasciata di Svizzera a Roma


Istituto Polacco di Roma


Istituto Slovacco



 


 

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #7