Il cielo brucia, di Christian Petzold

Parte come una commedia sentimentale, poi il film si rivela un percorso di educazione alla vita dove il cineasta tedesco riesce a scavare in profondità nella trama delle relazioni.

--------------------------------------------------------------
MASTERCLASS DI REGIA ONLINE CON MIMMO CALOPRESTI DAL 5 MARZO

--------------------------------------------------------------

Due amici vanno a trascorrere alcuni giorni al mare, sulla costa baltica. Ma non si tratta semplicemente di una vacanza. Leon deve terminare il manoscritto del suo secondo romanzo, su cui ha parecchi problemi. Felix, invece, deve lavorare al suo portfolio d’arte. Ma le cose non vanno esattamente secondo i piani. L’auto si guasta qualche chilometro prima dell’arrivo. E quando giungono finalmente alla casa di famiglia di Felix, si rendono conto che c’è un’altra ospite imprevista, Nadja. Per di più, l’area è minacciata da una serie di incendi.

--------------------------------------------------------------
40% DI SCONTO, IL 29 FEBBRAIO! UN’OFFERTA CHE ARRIVA SOLO OGNI 4 ANNI! COGLIETE L’ATTIMO.

--------------------------------------------------------------

C’è qualcosa di diverso in Il cielo brucia rispetto ai film precedenti di Christian Petzold. Sì, la presenza di Paula Beer stabilisce immediatamente una linea di continuità con Undine. Anche qui ci muoviamo tra le contorte evoluzioni dell’amore, in una storia che tende a forzare i contorni della realtà, per far appello all’immaginazione e i simboli, e così raccontare il potere trasformativo del femminile. La dimensione fantastica qua è meno accentuata, ma la foresta in fiamme e la casa nel bosco sono pur sempre delle suggestioni astratte. E poi c’è, ancora una volta, la presenza fondamentale della scrittura, da cui Petzold fa partire una riflessione sui rapporti tra la vita e la sua rappresentazione (esemplare la discussione sulla “mancanza d’amore” in Heine). Eppure resta il fatto che, per gran parte del tempo, si muove su toni piuttosto diversi da quelli soliti del suo cinema, su una cifra più ironica, di divertimento, a cui contribuisce non poco l’interpretazione di Thomas Schubert, che regala al personaggio di Leon una fisicità impacciata, a tratti irresistibile. Su di lui, per tutta la prima parte del film, Petzold sembra costruire una specie di commedia sentimentale. Leon è goffo, permaloso, incapace di gestire le cose e le situazioni, di relazionarsi con l’altro sesso, fino a manifestazioni conflittuali piuttosto infantili. Insomma, quasi un personaggio maschile alla Hawks, tanto più che ha un rapporto “complicato” con il sonno, un po’ come Cary Grant in Ero uno sposo di guerra o Rock Hudson in Lo sport preferito dall’uomo.

Certo, Petzold non ha quei ritmi travolgenti, rimane sempre più compassato, alla ricerca di uno scavo più profondo nella trama delle relazioni. Eppure delinea nuove traiettorie. E se Undine era una donna passionale, di energie innocenti e brutali, qui Nadja è una figura femminile più tenera, apparentemente più gioiosa e rassicurante, pur nelle sue ombre e nei suoi segreti. Un corrispettivo ideale di un protagonista che, invece, è talmente immerso nella propria dimensione iperurania e così avvitato su sé stesso, da essere del tutto incapace di rendersi conto di ciò che gli accade intorno. Costantemente sulla difensiva. È l’accusa che gli rivolge Nadja, svelando tra le righe, una verità decisiva. Ma anche mettendo finalmente a nudo i limiti di Leon e della sua vena di scrittore. Per quanto si possa essere attenti ai propri movimenti interiori, di cosa si può davvero scrivere se non si è in grado di aprire gli occhi sugli altri e sul mondo?

Allora, tutta la parabola disegnata da Petzold si rivela un percorso di educazione sentimentale e di rieducazione alla vita. Che deve passare necessariamente per il travaglio del negativo, per il picco di discesa. Per la crisi, il dolore, la perdita. Per quell’istante in cui tutto ciò che sta intorno, prende fuoco e si trasforma in cenere. Ma, anche nel mostrare il dramma, Petzold non diventa mai tragico. Mantiene una levità, che passa prima di tutto negli sguardi, negli atteggiamenti, nel linguaggio dei corpi. E poi, solo poi, nell’esternazioni più evidenti e nelle parole. La scrittura di Leon riprende corpo e sangue, nel tornare alla vita. Mentre quella di Petzold si trattiene, rimane un passo indietro. Lasciando che le cose parlino da sé, tra i silenzi, i pianti e i sorrisi.

 

Gran Premio della Giuria alla 73° Berlinale

 

Titolo originale: Roter Himmel
Regia: Christian Petzold
Interpreti: Thomas Schubert, Paula Beer, Langston Uibel, Enno Trebs, Matthias Brandt
Distribuzione: Wanted Cinema
Durata: 89′
Origine: Germania, 2023

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
4
Sending
Il voto dei lettori
3.2 (5 voti)
----------------------------
CORSO DI SCENEGGIATURA CON FRANCO FERRINI, DAL 12 MARZO!

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative