La programmazione di Fuori Orario da stasera al 4 aprile

Sabato 28   marzo   2020

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------

Fuori Orario cose (mai) viste

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

di Ghezzi Baglivi Di Pace Esposito Fina Francia Fumarola Giorgini Luciani Melani Turigliatto

CORPI E LUOGHI

--------------------------------------------------------------------
I NUOVI CORSI ONLINE LIVE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

(6)

a cura di Simona Fina e Roberto Turigliatto

IL RE DELLA TERRA SELVAGGIA         FILM

(Beasts of the Southern Wild, USA, 2012, col., dur., 89’38”)

Regia: Benh Zeitlin

Con: Quvenzhanè Wallis, Dwight Henry, Levy Easterly, Lowell Landes, Pamela Harper, Gina Montana, Amber Henry

Hushpuppy è una bambina di sei anni che vive col padre Wink nella comunità chiamata Bathtub, nel sud più profondo della Louisiana. Wink è un padre severo che sa essere anche affettuoso e sa prendersi cura della figlia a cui vuole insegnare a sopravvivere. Intanto le temperature della terra aumentano e portano allo scioglimento dei ghiacci che portano al risveglio delle creature chiamate Aurochs.

“C’è una relazione reciproca fra natura e uomo, il cibo viene dall’acqua, che nutre anche le piante, ma è sempre l’acqua che durante le frequenti tempeste uccide. Molti hanno parlato del film come della storia di crescita di una bambina che diventa adulta, ma per me voleva essere soprattutto la storia di come impara a convivere con la natura, di come diventa un buon “animale” che impara a rispettare l’ambiente che la circonda, a viverlo con empatia e in comunione, imparando ad apprezzarlo, creando un equilibrio con quello che le dà da vivere”. (Benh Zeitlin)

BELOW SEA LEVEL

(Id., 2008, Italia/USA, col., dur., 110’, v.o. sott.italiano)

Regia: Gianfranco Rosi

Con: Lily, Ken, Cindy,Michael, Carol, Wayne, Sterling

In una base militare dismessa, a duecentocinquanta chilometri da Los Angeles e quaranta metri sotto il livello del mare, vive una comunità di homeless, un gruppo numeroso di senzatetto che cucinano, leggono, conversano, fanno l’amore, compongono canzoni, coltivano passioni. Mike, ex tutor in un college, abita in un vecchio autobus, scrive ballate e detesta le mosche; Lily, medico di medicina tradizionale cinese, ha perso figlio, casa, e lavoro in una causa di divorzio e adesso pratica l’agopuntura ai cani e alle persone con cui condivide la solitudine.  E poi ci sono Wayne, Cindy, Carol, Sterling. Tutti uomini con una propria dignità, tutti con il sogno di tornare ad essere “visibili”.

Domenica    29   marzo    2020

CINEASTA DEL PRESENTE

“NON SI PUO’ VIVERE SENZA ROSSELLINI”

(1)

LA LOTTA DELL’UOMO PER LA SUA SOPRAVVIVENZA

(Italia 1970, col., dur. totale 216’50” ca ) 1°, 2°, 3° e 4° puntata

Di: Roberto e Renzo Rossellini

1° pt: L’uomo prima della Storia, dur. 57’22”

2° pt: La civiltà che nacque da un fiume, dur. 56’19”

3° pt: Dall’angoscia dei miti al Dio che è salvezza, dur. 51’52”

4° pt: Un’arca nel Diluvio: il monachesimo, dur. 51’27”

La lotta dell’uomo per la sua sopravvivenza è uno dei film TV (in dodici puntate) che Roberto Rossellini ha realizzato per la RAI, quando vide nella televisione un valido mezzo per esplorare gli aspetti sociali, civili e politici della nostra storia e cultura. Realizzato in realtà dal figlio di Rossellini, Renzo, sotto la supervisione del padre, che ne aveva scritto la sceneggiatura, è lo stesso Roberto Rossellini a presentare brevemente ciascun episodio, riassumendone i tratti fondamentali. L’ultima puntata è dedicata ai viaggi spaziali.

Venerdì    3   aprile    2020

EX LIBRIS – THE NEW YORK PUBLIC LIBRARY         

(USA, 2017, col., dur., 197’22”, v.o. sott.it.)

Regia e montaggio: Frederick Wiseman

Titolo doppio per questo ennesimo capolavoro di Fred Wiseman, pluripremiato cineasta americano (tra i vari riconoscimenti sei lauree honoris causa, Leone d’oro e Oscar alla carriera) di cui Fuori Orario ha mostrato quasi tutti film. Mentre racconta, con il suo inconfondibile metodo, la Public Library di New York, la città che ha filmato più di ogni altra, Wiseman ci parla dei libri, la sua più grande passione, e del sapere in essi conservato che rappresenta una fragile ma forse unica ancora di salvezza dalla catastrofe umana.

Sabato    4   aprile    2020

P’TIT QUINQUIN

 (Francia, 2014, col., dur., 205’, v.o.sott.it.) tutti e 4 gli episodi della serie

Regia: Bruno Dumont

Con: Alane Delhaye (P’tit Quinquin), Lucy Caron (Eve Terrier), Bernard Pruvost (com Van der Weyden), Philippe Jore (ten/lt. Carpentier), Philippe Peuvion (il padre di/father of Quinquin), Cindy Louguet (la signora/Mme Campin)

Stupefacente serie in 4 puntate (che può anche venire presentata come film lungo). Una detection poliziesca nella campagna francese per scoprire chi ha smembrato una giovane donna: con due maldestri e scaltri poliziotti, il comandante Van der Weyden e Rudy Carpentier, che si muovono come in una comica burlesque sotto gli occhi di un bambino…  Il sorpendente cambio di registro di Bruno Dumont, secondo il quale “la commedia ha lo stesso potere esplosivo del dramma, la capacità di arrivare dritti al cuore delle cose, ed è sempre una possibilità e un rischio”.