Agadah vince il Premio “La Chioma di Berenice”

Agadah, il film di Alberto Rondalli, dopo aver ricevuto numerosi premi nei festival internazionali più disparati, ha trionfato anche alla serata di premiazione del Premio Internazionale Cinearti “La Chioma di Berenice” tenutasi a Roma al Salone Margherita. Tante le nomination di Agadah con cui concorreva al Premio: Miglior Trucco di Federico Carretti, Migliore Colonna sonora di Alessandro Sironi, Migliori Acconciature di Massimiliano Duranti e Migliori Costumi di Nicoletta Taranta, ma a portare a casa la statuetta è stato Francesco Bronzi per la Miglior Scenografia.
Il film liberamente tratto dal celebre Manoscritto trovato a Saragozza di Jan Potocki, è una rilettura di uno dei grandi classici della letteratura europea. Nel film una serie di storie intrecciate tra loro come scatole cinesi, conducono, dall’inizio alla fine, lo spettatore attraverso un doppio registro stilistico. Da un lato quello realistico, legato al viaggio del protagonista, Alfonso di Van Worden, e dall’altro quello fantastico focalizzato sui racconti dei tanti narratori che Alfonso incontrerà lungo il suo cammino, passando attraverso un mondo popolato da briganti, zingari, forche, cabalisti, fantasmi e avventure amorose.