Premio Francesco Laudadio a Pif al Bif&st

Pif vince a Bari. La mafia uccide solo d'estate ha infatti vinto il Premio Francesco Laudadio per la migliore opera prima e seconda come miglior film assegnatogli dalla giuria popolare presieduta da Giuliano Montaldo con la seguente motivazione: "Per l’originalità coinvolgente con cui tratta il tema della mafia attraverso un linguaggio graffiante e ironico, diretto ed efficace".

Il premio per la miglior regia è invece andato a L'arbitro di Paolo Zucca, "Un film che si sa districare tra il sacro e il profano, mettendo in discussione i “ruoli” attraverso un sarcasmo mai volgare, una direzione degli attori impeccabile incorniciata dall’uso sapiente del bianco e nero".