11/2/2006 – Tutti parlano del Caimano…

…ma pochi sanno che cos'è…

---------------------------------------------------------------
BANDO N. 5 POSTI GRATUITI PER CORSO DI CRITICA DIGITALE

---------------------------------------------------------------

Il fitto riserbo che avvolge il nuovo film di Nanni Moretti Il caimano si sta trasformando più o meno consapevolmente in un ottimo strumento promozionale. L'abituale riservatezza di Moretti e il soggetto "politico" del film stanno generando una forte curiosità tra appassionati e addetti ai lavori. Per ora è trapelato – nonostante le salate penali previste nei contratti di attori e troupe in caso di rivelazioni non autorizzate – soltanto che Il Caimano esce nelle sale italiane il prossimo 24 marzo, a ridosso delle prossime elezioni politiche, e che, secondo le indiscrezioni raccolte di recente dal quotidiano La Stampa, dovrebbe narrare la storia di una regista (Jasmine Trinca) che vuole girare un film su Silvio Berlusconi ma non riesce a trovare un attore che lo interpreti, poichè tutti temono le possibili conseguenze del vestire i panni del premier. Finché arriva un attore (Michele Placido) che inizialmente accetta, per poi ritirarsi anch'egli. Il film, che tra gli interpreti vede anche Silvio Orlando, Margherita Buy e i cameo di alcuni registi italiani (Mazzacurati, De Maria, Grimaldi, Virzì e Sorrentino), uscirà poi nelle sale francesi il 17 maggio distribuito da Bac Films. L'attesa sta coinvolgendo anche il mondo politico italiano. Non sono mancate le dichiarazioni anti-Caimano di alcuni illustri esponenti dell'attuale maggioranza, come ad esempio l'ex ministro Gasparri, che dichiarò: «C´é una sinistra che sa fare solo cose contro la destra. Questo film di Moretti in stile Moore ne è un esempio». A smentirlo proprio una delle poche dichiarazioni di Moretti, che pare stavolta reciti soltanto in un piccolo ruolo: "Sarà un film nella migliore tradizione del cinema italiano d'impegno civile, come all'epoca fu, ad esempio, Le mani sulla città di Francesco Rosi. Ma la mia ambizione non è quella di realizzare un film per far cambiare idea agli elettori di Berlusconi, né per rassicurare un certo tipo di pubblico di sinistra nelle proprie certezze. Al contrario spero che Il Caimano possa semplicemente suscitare dei dubbi". Per ora sta suscitando una grande, ma giustificata, attesa. (e.b.)


 

---------------------------------------------------------------
Ecco il nuovo Sentieriselvaggi21st #10: CYBERPUNK 2021, il futuro è arrivato

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative