6/2/2007 – Di Carlo e l'Africa alla Casa del Cinema

A Roma due documentari e l'introvabile "Per questa notte"

--------------------------------------------------------------
BANDO BORSE DI STUDIO IN CRITICA, SCENEGGIATURA, FILMMAKING

--------------------------------------------------------------

Alla Casa del Cinema (per informazioni: www.casadelcinema.it)  due appuntamenti con il cinema che riflette sull'attualità:

--------------------------------------------------------------
OFFERTA DI LUGLIO SULLO SHOP DI SENTIERI SELVAGGI!

--------------------------------------------------------------

MARTEDI 6 FEBBRAIO
SALA DELUXE ore 15.00
ItaliaDoc – Afric / AMREF
a cura di Maurizio Di Rienzo

----------------------------
UNICINEMA QUADRIENNALE:SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

THIS IS MY SISTER
di Giovanni Piperno (2006,  62')
Kenia. Jane, una madre benestante e suo figlio Alvin sono entrambi sieropositivi. Quando Alvin si ammala Jane perde il lavoro e la speranza. Ma Jane ha una sorella, Martha, una donna dalla risata contagiosa e con un sogno: aprire un salone da parrucchiera.


AFRICAN SPELLING BOOK 
di Angelo Loy  (2006,  60' )
Il Sillabario Africano è composto da una serie di brevi documentari scritti, narrati e filmati da un gruppo di ottanta ragazzi e ragazze che vivono negli slums di Nairobi. Rappresenta il loro sguardo – incantato, ironico, crudele, conciliatorio, mai scontato –  sul mondo che li circonda. E' una tappa di un progetto ancora in corso, cominciato nel 2001 e che ha l'obiettivo di creare con i ragazzi una televisione di strada nella periferia orientale della città.

A seguire: incontro con gli autori


MERCOLEDI 7 FEBBRAIO
SALA DELUXE ore 15.00
PER QUESTA NOTTE
di Carlo Di Carlo
Italia, 1977, 100'

Intervengono: Carlo Di Carlo, Luciano Tovoli (direttore della fotografia), Callisto Cosulich, Paolo D'Agostini e gli attori Francesco Carnelutti, Adalberto Maria Merli, Sara Franchetti

Il film, realizzato nel 1976, recuperato oggi dalla Casa del cinema e introvabile perchè mai editato nè su cassetta nè su dvd, potrebbe  apparire,  visto o rivisto  con gli occhi di oggi, una metafora e un' anticipazione inquietante degli anni cruciali del nostro paese, dal 1977 in poi.  Alla base del film c'è la trasposizione del romanzo omonimo di Juan Carlos Onetti, con Borges – uno dei padri della letteratura latino-americana.


Ossorio, capo di una rivoluzione ormai fallita, dalla sua base al Nord scende nella capitale ove la repressione infuria: la casa del Partito è assediata e difesa da Martins; Barcala, rivoluzionario fuggiasco sta nascosto con le armi in pugno in una casa diroccata; Morasan, capo della Polizia Politica, continua nei rastrellamenti ma s'avvede di essere a propria volta condannato dai militari che hanno preso il potere. Ossario avvicina Irene per ricevere i biglietti e imbarcarsi verso lidi più sicuri ma non li riceve. Braccato, cerca rifugio da Barcala (che denuncerà a Morasan per telefono) poi da Farla e quindi da Ganosky e dalla signora Rosa. Qui giunge con Anna la figlia che Barcala ha affidato alla sua protezione invano: colpita nella notte la fanciulla muore. Barcala è stato ucciso; la Casa del Partito è stata conquistata. Morasan ha ucciso la moglie e si è suicidato. Ossorio, che è riuscito ad avere i biglietti d'i mbarco da Barcala, corre verso il porto e viene raggiunto dai colpi di invisibili cecchini e cade davanti a un mare livido, ma aperto all'orizzonte.

----------------------------
SCUOLA DI CINEMA TRIENNALE: SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative