Lamb, di Valdimar Jóhannsson

Esordio del regista islandese vincitore del premio originalità a Cannes. Un’esperienza visiva che disorienta e stupisce, una volta accettato di sospendere la cinica incredulità che ci contraddistingue

-----------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI: APERTE LE ISCRIZIONI ANNO 2022-23


-----------------------------------------------------------

L’islandese Valdimar Jóhannsson dirige il suo lungometraggio d’esordio dopo aver lavorato come assistente alla camera sul set di grandi produzioni internazionali ed aver frequentato la Filmfactory di Béla Tarr a Sarajevo (qui in veste di produttore esecutivo). Premiato per l’originalità nella sezione Un Certain Regard di Cannes e fresco vincitore del Festival del cinema fantastico di Sitges, Lamb è un’opera prima decisamente sorprendente. Tentare di incasellarlo in un genere specifico non è semplice. Non è un horror ma contiene le atmosfere cupe tipiche del genere, è un dramma famigliare ma l’elemento fantastico sovrasta e assorbe ogni dinamica narrativa. Può ricordare lo svedese Border per il lavoro materico sui corpi immersi nel paesaggio nordico o The Witch di Robert Eggers per le atmosfere oscure e l’uso ossessivo degli animali da fattoria. Di certo Lamb è stato ampiamente influenzato dalle antiche leggende della mitologia norrena dove la natura ricopriva spesso un ruolo ostile e minaccioso.

----------------------------
15 BORSE DI STUDIO DELLA SCUOLA SENTIERI SELVAGGI

----------------------------

Maria (Noomi Rapace) e Ingvar (Björn Hlynur Haraldsson) sono una coppia di allevatori di pecore che vive isolata tra le montagne islandesi. La loro esistenza sembra procedere tranquillamente tra il lavoro nei campi, la cura del bestiame e la nascita di qualche agnellino. Fra Maria e Ingvar l’atmosfera è glaciale, non si sfiorano e raramente si rivolgono la parola, come se tra di loro mancasse qualcosa, o qualcuno. Maria in particolare procede per inerzia, più che vivere sembra sopravvivere. Tutto cambia quando ricevono “un dono” inaspettato. Un giorno aiutano una pecora a partorire una creatura di cui si innamorano all’istante, decidendo di accudirla in casa propria e sottraendola di fatto alla madre naturale. La famiglia è così finalmente ristabilita e la casa acquisisce un nuovo calore, ma tutto nasce da un grave atto contro natura. L’arrivo di Petur (Hilmir Snær Guðnason), il fratello ex pop star di Ingvar, porta un punto di vista esterno e realista in una situazione paradossale. Petur reagisce esattamente come farebbe ogni spettatore in sala davanti ad una famiglia così assurda. Alla naturale richiesta di spiegazioni del fratello, Ingvar risponde di aver finalmente ritrovato la felicità.

Lamb è un film silenzioso dove le immagini e i suoni raccontano molto più delle parole. Paradossalmente senza sottotitoli tutte le dinamiche sarebbero comunque chiare e lo spettatore potrebbe seguire tutto senza alcun problema. Il freddo paesaggio nordico circonda i pochi personaggi del film che tentano di dominare questa natura così selvaggia ed incontaminata. L’essere umano fa parte della natura e l’animalità diventa parte dell’essere umano in una strana quanto inquietante fusione corporea. Gli animali non parlano ma trasmettono tantissimo grazie alla costruzione registica maniacale di Jóhannsson. Lo spettatore è portato a proiettare ansie e paure sugli sguardi ignari di gatti, agnelli e pecore. I campi lunghi si alternano ai dettagli e molto spesso i protagonisti sono inquadrati di spalle, accentuando in questo modo l’oscura sensazione di mistero che pervade l’opera. Il film può essere interpretato con riferimenti religiosi (l’agnello di Dio e la madre Maria), oppure come metafora delle irrimediabili conseguenze di un atto contro natura. In ogni caso Lamb è un esperimento visivo interessante che disorienta ma stupisce, una volta accettato di sospendere la cinica incredulità che ci contraddistingue.

 

Titolo originale: id.
Regia: Valdimar Jóhannsson
Interpreti: Noomi Rapace, Hilmir Snær Guðnason, Björn Hlynur Haraldsson
Distribuzione: Wanted Cinema
Durata: 106′
Origine: Islanda, Polonia, Svezia 2021

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
4
Sending
Il voto dei lettori
3.53 (19 voti)
--------------------------------------------------------------
Le Arene estive di Cinema a Roma

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative