Un sapore di ruggine e ossa

di Jacques Audiard

----------------------------
MASTERCLASS ONLINE DI REGIA CON MIMMO CALOPRESTI

----------------------------

Un sapore di ruggine e ossa

----------------------------
CORSO ONLINE DI CRITICA CINEMATOGRAFICA CON LA REDAZIONE DI SENTIERI SELVAGGI

----------------------------

Titolo originale: De rouille et d'os

--------------------------------------------------------------
SENTIERISELVAGGI21ST N.13 – PRENOTA LA COPIA IN OFFERTA SCONTATA ENTRO IL 31 GENNAIO!

--------------------------------------------------------------

Interpreti: Marion Cotillard,  Matthias Schoenaerts, Armand Verdure, Céline Sallette

Origine: Francia, Belgio 2012

Distribuzione: BIM

Durata: 120'

 

Il pugile clandestino Ali (Matthias Schoenaerts – Black Block, Loft, Bullhead) si è rotto una mano ed è costretto a fare il buttafuori per guadagnarsi da vivere. Ha da poco scoperto di avere un figlio di ormai cinque anni da una precedente relazione e si trova improvvisamente a dover  provvedere al suo mantenimento. Nella discoteca dove lavora una sera conosce Stephanie (Marion Cotillard – Taxxi, Furia, Big Fish, Un'ottima annata, La vie en rose, Nemico Pubblico, Inception, Piccole bugie tra amici, Il cavaliere oscuro – il ritorno), una bellissima addestratrice di orche del parco acquatico di Antibes. Le loro strade così incredibilmente diverse si incontrano, si scontrano e si attraggono sino al fatidico giorno della tragedia che sconvolge la vita di Stephanie, un incidente che le fa  perdere l'uso delle gambe. Nascerà un rapporto intenso, morboso, carnale che costringerà Ali a ritornare al mondo animalesco degli incontri clandestini solo per amore…

Dopo il Grand Prix a Cannes e il successo internazionale con Il Profeta, questo è il ritorno alla regia del regista francese Jacques Audiard (Un Heros tres discret, Tutti i battiti del mio cuore, Sulle mie labbra). Il film è basato sull'omonima raccolta di racconti di Craig Davidson. Presentato lo scorso maggio in cincorso al Festival di Cannes è poi uscito nello stesso giorno nelle sale francesi. Ecco come il regista sintetizza il suo sforzo: "il film, in realtà, racconta di personaggi alla deriva, di tempi di crisi, di come in questi tempi la società sembri scivolare nella barbarie, di gente che cerca da mangiare nella spazzatura. In questi tempi, l’unica cosa che resta è il corpo, la forza fisica. Non è più tempo di parole. Anche se alla fine, sarebbe meglio utilizzare le parole".

(P.M.)

Trailer originale con sottotitoli italiani:

 

----------------------------
BANDO PER IL CORSO DI CRITICA DIGITALE 2023

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative



    Un commento