"Yattaman – il Film" di Miike Takashi



Yatterman di Takashi Miike
Miike fonde comicità splapstick ed umorismo ammiccante, concretizzando la carica erotica dell'avvenente miss Doronjo in un' attrazione fatale per l'odiato nemicoLa lettura squisitamente pop di Miike è un mix esplosivo di computer graphic ed azione "in carne e ossa" che rende pienamente giustizia all'originale di Yoshida. Uscito finalmente in Italia in sparute sale

--------------------------------------------------------------
INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA POSTPRODUZIONE, CORSO ONLINE DAL 17 GIUGNO

--------------------------------------------------------------

Yatterman di Takashi Miike

--------------------------------------------------------------
OPEN DAY SCUOLA SENTIERI SELVAGGI, IN PRESENZA/ONLINE IL 7 GIUGNO!

--------------------------------------------------------------


Miike si riconferma regista dei generi, attingendo anche stavolta al caleidoscopico mondo del fantastico nipponico, per portare in scena il live action più atteso dell'anno. Fedelissimo all'anime originale, lanciato in Giappone nel 1977 e trasmesso in Italia dall'83, il film porta sul grande schermo tutta la verve della serie animata, riproponendone gag, interludi musicali, robot e gadget visionari. Dalle mise succinte di miss Doronjo, alle punizioni inflitte allo sgangherato trio di malfattori, al mecha no moto (l'osso che permette a Yatter Wan – Yatta Can nella versione italiana – di ricaricarsi e tornare a combattere quando tutto sembra perduto) ogni elemento conserva il fascino di un tempo, guadagnando in appeal grazie alla resa spettacolare che ne dà il cineasta. Miike fonde comicità splapstick ed umorismo ammiccante, concretizzando la carica erotica dell'avvenente miss Doronjo (che sogna di vestire un giorno i panni della perfetta mogliettina) in un' attrazione fatale per l'odiato nemico. Al di là di questa digressione romantica, la trama segue fedelmente l'originale: Takada Gan e la fidanzata Kaminari Ai, sono due adolescenti che vestono all'occorrenza i panni di Yatterman 1 e 2, combattendo, grazie all'aiuto del fedele cane robot Yatta Wan e del piccolo Omochama, il “terribile” trio Doronbo, costituito dalla conturbante miss Doronjo e dai suoi maldestri tirapiedi Boyacky e Tonzra. Le due squadre rivali si sfidano alla ricerca dei quattro frammenti della mitica Dokuro stone, una pietra a forma di teschio che, una volta riunita, sarebbe in grado di esaudire qualsiasi desiderio e di cui Dokurobee, capo supremo del trio, vuole impossessarsi per dominare il mondo. La lettura squisitamente pop di Miike, che si avvale per il ruolo di ganchan dell'aidoru Sakurai Sho, è un mix esplosivo di computer graphic ed azione "in carne e ossa" che rende pienamente giustizia all'originale di Yoshida: la resa perfetta delle ambientazioni dell'anime e la genialità delle leggendarie macchine da combattimento, tengono lo spettatore incollato allo schermo. Dando vita ad un'opera dall'appeal sfacciatamente commerciale, che non rinuncia alla giusta dose di visionarietà, tensione sessuale e violenza (declinata in stile cartoon), Miike non manca di affascinare il grande pubblico, compiendo un'incursione nel mondo dei sentimenti attraverso temi come amore, gelosia e tradimento, e mostrando come, più forte dei supereroi, sia la propria capacità di guardarsi dentro.

----------------------------
SCUOLA DI CINEMA TRIENNALE: SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------




Titolo originale: Yatterman
Regia: Miike Takashi
Interpreti: Sho Sakurai, Saki Fukuda, Anri Okamoto, Kyoko Fukada, Katsuhisa Namase, Kendo Kobayashi, Junpei Takiguchi
Distribuzione: Officine Ubu
Durata: 111'
Origine: GIappone, 2009

--------------------------------------------------------------
#SENTIERISELVAGGI21ST N.17: Cover Story THE BEAR

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative


    Un commento

    • Condivido, un piccolo capolavoro nel suo genere, un grande omaggio, un grande divertimento, con stile e maestria senza diventare tronfi.