Detachment, il ritorno del regista di "American History X" Tony Kaye

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Dopo American History X, felice debutto del 1998 con Edward Norton e Edward Furlong, Tony Kaye è scomparso dalle nostre sale (nel frattempo ha girato il documentario Lake of Fire, 2006, e Black Water Transit, 2010).
Ora il poliedrico regista britannico (anche musicista e fotografo) potrebbe tornare anche nelle nostre sale con Detachment, lungometraggio presentato al Tribeca Film Festival 2011 (e in anteprima europea a Milano questa estate) ambientato in una scuola superiore americana e interpretato da un grande cast.

DETACHMENT [Tony Kaye 2011]Protagonista Adrien Brody (Wrecked, Midnight in Paris) nei panni di Henry Barthes, spaesato supplente newyorchese, bloccato nel suo percorso esistenziale. A complicare le cose, deve occuparsi di un nonno afflitto da demenza e ha preso sotto la sua ala protettiva una prostituta minorenne (l'esordiente Sami Gayle).

L'approdo a una scuola di periferia guidata dalla preside Marcia Gay Harden lo costringerà a nuovi punti di vista, attraverso l'incontro con i colleghi – in particolare Ms. Madison, la Christina Hendricks di Mad Men e Drive – e con una talentuosa studentessa (Betty Kaye, figlia del regista). Gli altri insegnanti sono James Caan, Tim Blake Nelson (Lincoln), Blythe Danner (Vi presento i nostri) e Lucy Liu (Un giorno questo dolore ti sarà utile) e nel cast ci sono anche l'eccellente protagonista di Breaking Bad Bryan Cranston (lo vedremo anche in John Carter, Total Recall, Argo) e William Petersen (CSI, Vivere e morire a Los Angeles, Manhunter).

La critica straniera non ha avuto vie di mezzo: si passa dal lapidario "Great Cast, Awful Movie" di indiewire all'appassionato entusiasmo di Hollywood Reporter, che commenta: "molti film in oltre mezzo secolo, da The Blackboard Jungle a Dangerous Minds, hanno esplorato il sistema educativo americano, ma nessuno raggiunge la profondità da incubo dell'ultima fatica di Tony Kaye, un ritratto straziante sostenuto da una grande performance di Brody".

 

Il regista di American History X e Detachment, Tony Kaye Il regista ha sottolineato il suo interesse per le tematiche sociali, in questo caso non solo l'educazione, ma anche la genitorialità – Henry si apre a un possibile futuro solo prendendosi cura della lost girl Erica. "Il suo personaggio, la teenager in fuga che diventa una prostituta, è stato il perno della storia, la prima pietra dell'edificio".

"Se dovessi descrivere il film in poche parole, direi che è la storia di un uomo perduto che soffre, che sfugge ai veri problemi della sua esistenza ascoltando le voci nella sua testa: quella di dio o quella del diavolo. Fugge costantemente dalla verità, come coperto da un enorme velo nero che non vuole oltrepassare. Questo velo è il suo ego".

In attesa della distribuzione italiana, probabilmente successiva a quella negli Stati Uniti (febbraio 2012) ecco tutte le immagini di Detachment (nella nostra gallery).