14/6/2008 – Underworld Fuller: Il mondomè un campo di battaglia del cinema

FUORI ORARIO

COSE (MAI) VISTE

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

----------------------------------------------------------------

di Ghezzi  Di Pace  Francia  Fumarola  Giorgini  Melani  Turigliatto e Bendoni

presenta

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------

 

Sabato 14 giugno 2008

Sabato 14 giugno dalle 1.45 alle 7.00 (315’)
UNDERWORLD FULLER: IL MONDO E’ IL CAMPO DI BATTAGLIA DEL CINEMA (2)
a cura di Roberto Turigliatto

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
con i film

Piccione morto in Beethoven StrassePiccione morto in Beethoven Strasse
(Tote Taube in der Beethovenstrasse, Germania, 1973, col., 98’) Prima Visione TV
Regia: Samuel Fuller
Con: Glenn Corbett, Christa Lang, Stephane Audran, Anton Driffing, Samuel Fuller
Girato in esterni tra Bonn e Colonia. Un investigatore privato americano, incaricato da un senatore (interpretato dallo stesso Fuller) di recuperare i negativi di certe fotografie compromettenti, viene ucciso a Bonn da Charlie Umlaut, un pregiudicato coinvolto in traffici di droga. Un altro agente, Sandy, rintraccia l’assassino che però riesce rocambolescamente a fuggire. A Colonia Sandy rintraccia Christa, la ragazza con cui il senatore si è compromesso. Christa propone a Sandy di prendere il posto di Sandy ed entrare nel giro dei ricatti e degli intrighi politici internazionali. Sandy finge di stare al gioco ma finisce per innamorarsi della ragazza…

 

Criminal Story
(La Route de Corinthe, Francia/Italia/Grecia 1967, col., 95’)
Regia: Claude Chabrol
Con: Jean Seberg, Maurice Ronet, Christian Marquand, Saro Urzì, Claude Chabrol
Un agente segreto americano, incaricato di indagare su una misteriosa centrale elettrica che disturba le comunicazuioni nel Mediterraneo, viene assassinato in Grecia. La vedova (Jean Seberg) prosegue le ricerche sulle tracce degli assassini…


Omicidio in direttoOmicidio in diretta
(Snake Eyes, USA 1998, col., 94’)
Regia: Brian De Palma
Con: Nicolas Cage, Gary Sinise, Carla Cugino
Ad Atlantic City, durante un match di boxe truccato, sparano al Segretario della Difesa, e il detective Rick Santoro scopre la verità con l’aiuto delle videocamere.

 

 

 

 

 

 

Domenica 15 giugno 2008

Domenica 15 giugno dalle 2.10 alle 6.00 (3 h. 50’)
CITTADINI DELLO SPAZIO (CINEMA PROFUGO)
con i film

Subarnarekha
(Il fiume Subarna, India, 1962, b/n, 122’, v.o. sottotitoli italiani)
Regia: Ritwik Gathak
Con: Madhabi Mukherjee, Abhi Bhattacharyya, Satindra Bhattacharya
Calcutta, 1948, dopo la divisione del Bengala. Un’immensa popolazione di profughi si costruisce abitazioni di fortuna in campi appositamente attrezzati. In una di queste colonie Ishwar e la sua sorellina Sira si uniscono a migliaia di sradicati…"A prima vista, le crisi che il film “Subarnarekha” presenta riguardano prevalentemente il problema dei profughi. Ma la parola “profugo”, in tale contesto, non si riferisce semplicemente ai profughi del Bengala orientale. Io l’ho usata anche per darle una differente connotazione, intendevo dire che oggi tutti noi siamo dei profughi, dal momento che abbiamo perso le radici della nostra vita". (Ritwik Gathak)


La sesta parte del mondo
(Sestaja cast' mira, URSS 1926, 76’)
Regia: Dziga Vertov
Il film è un documentario propagandistico che illustra in tutta la sua varietà le maggiori attività produttive nelle varie regioni dell'Unione Sovietica, dalla Siberia al Caucaso, dalla Mongolia al Turkmenistan, mettendo a confronto lo stile di vita socialista con il resto del mondo. Ideato e realizzato da Vertov (Denis Arkadievitch Kaufman) con il contributo del fratello Michail Kaufman, aiutoregista e supervisore generale della fotografia, di diversi cineoperatori e cineesploratori, è un cinepoema lirico sul lavoro e i suoi artefici che trascura il versante delle cifre, dei riferimenti statistici, della pura informazione. Nonostante le favorevoli accoglienze della stampa, Vertov fu licenziato dalla Sovkino. Il suo film ebbe un notevole influsso sul documentarismo internazionale e il tedesco Walter Ruttman ne prese ispirazione per Melodia del mondo (1928).