Atlantide apre l’edizione 2021 di Filmmaker

Il primo film di finzione di Yuri Ancarani aprirà la nuova edizione del Festival milanese, dopo il passaggio a Venezia.

Sarà Atlantide di Yuri Ancarani ad inaugurare l’edizione 2021 di Filmmaker, in programma dal 12 al 21 novembre. . Il film, già presentato nella sezione Orizzonti del Festival di Venezia, narra la storia di un gruppo di ragazzi di Sant’Erasmo, che accomunati dalla passione per i “barchini”, tentano di prendere coscienza della loro fugace esistenza, attraverso il brivido della vita. Come spiega lo stesso regista e videoartista, già autore di The Challenge, premiato a Locarno, “il barchino è l’unico posto in cui un adolescente a Venezia si sente libero. È lì che scappa dalle proprie paure, dai turisti, dalla vita dei grandi”.

---------------------------------------------------------------
Torna il BLACK FRIDAY di SENTIERI SELVAGGI!

---------------------------------------------------------------

In modo tale da avvicinarsi al mondo giovanile e ritrarlo nel modo più fedele e incisivo possibile, Ancarani, per la realizzazione della propria opera, non ha seguito un processo creativo convenzionale, con le riprese che succedono necessariamente alla fase di scrittura, ma ha adottato un approccio artistico in divenire, costruendo il film passo dopo passo insieme al suo gruppo di giovani attori: “non è stato facile per me, che sono un adulto, avvicinare gli universi e le dinamiche di quei ragazzi” – dichiara il regista – “ci siamo incontrati pian piano soprattutto parlando di musica; Atlantide è un film nato senza sceneggiatura, i dialoghi sono, infatti, rubati alla vita reale, e il racconto ha preso forma in divenire”.

Non è un caso, allora, che il film “dialoghi” con i più giovani, sposando apertamente il linguaggio dei videoclip di musica trap (inseriti all’interno del film) commistionati ai codici narrativi del cinema narrativo. Un’offerta cinematografica potente che ben si confà con l’identità di Filmmaker, un Festival da sempre interessato a scoprire e a sostenere nuovi autori, nuove forme di cinema e relazioni con il pubblico, tenendo a battesimo almeno tre generazioni di cineasti italiani, oltre a fungere da “mediatore di valore” per una molteplicità di grandi artisti internazionali, con le retrospettive su Frederick Wiseman, Errol Morris e i fratelli Dardenne.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Per la presentazione del suo primo film di finzione, inoltre, Ancarani sarà presente al Festival.

---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative