Franceschini: abolita la censura cinematografica

“Non sarà più possibile tagliare o modificare sequenze di film controversi o non permettere a una pellicola di uscire in sala”, annuncia il Ministro

L’ultimo decreto firmato dal Ministro della Cultura Dario Franceschini annuncia di mettere fine a un’epopea intricata e dibattuta per quello che concerne la censura cinematografica: “Abolita la censura cinematografica, definitivamente superato quel sistema di controlli e interventi che consentiva ancora allo Stato di intervenire sulla libertà degli artisti”. Un oscurantismo che ha danneggiato nel corso dei decenni innumerevoli film e autori e di cui si vedono gli effetti tutt’oggi.

La nuova Commissione per la classificazione delle opere cinematografiche presso la Direzione Generale Cinema del Ministero della Cultura, con il compito di verificare la corretta classificazione delle opere cinematografiche da parte degli operatori, avrà come presidente Alessandro Pajno, che collaborerà a stretto contatto con quarantanove componenti esperti del settore cinematografico, educativo e pedagogico.

---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative