Gianni Amelio al Festival di Berlino con "Felice chi è diverso"

Il regista Gianni AmelioGianni Amelio parteciperà al 64° festival di Berlino (6-16 febbraio), nella sezione Panorama/Dokumente, con Felice chi è diverso, ultima fatica che arriva dopo il recente L'intrepido (presentato in Concorso a Venezia 70 e poi al successivo Toronto Film Festival).

 

Il documentario è prodotto da Luce-Cinecittà cui si affiancano Rai Cinema e Rai Trade, a cui si aggiunge il contributo del MIBACT (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo), in collaborazione con Cubivision.

 

Amelio descrive così la sua nuova creatura: Felice chi è diverso è un viaggio in un’Italia segreta, raramente svelata dalle cineprese: l’Italia del mondo omosessuale così come è stato vissuto nel Novecento, dai primi del secolo agli anni '80. Un viaggio fatto di storie raccolte dal Nord al Sud del Paese, di chi ha vissuto sulla propria pelle il peso di essere un “diverso”. Racconti di repressione, censura, dignità, coraggio, e felicità”

Uscirà nelle sale a marzo distribuito da Luce-Cinecittà. (m.t.s)