LIBRI – "Baciami come uno sconosciuto"

Baciami come uno sconosciuto
di Gene Wilder
Edizioni Sagoma

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------
Ottobre 2009
pp. 312 – 19 euro

--------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21st!

-----------------------------------------------------

 

 

---------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------

Leo Bloom (Per favore, non toccate le vecchiette), Dr Frankenstein (Frankenstein Junior), Sigerson Holmes (Il fratello più furbo di Sherlock Holmes), Dave Lyons (Non guardarmi non ti sento). Sono alcune delle maschere che Gene Wilder ha indossato nell'arco di una carriera straordinaria inziato negli anni sessanta e interrotta dal volontario ritiro dalle scene a fine degli anni 90'. Una lunga cavalcata che l'ha portato dai primi passi sui palcoscenici dei teatri d'america, grazie alla sorella più grande attrice, alla notte degli Oscar. Attore, sceneggiatore, regista, Gene Wilder (classe 1933) è uno dei comici americani viventi più amati dal pubblico e imitato dalle nuove leve. Alcuni suoi film realizzati in coppia con l'amico Mel Brooks, sua l'introduzione al libro edito dalla Sagoma editore, hanno fatto ridere generazioni di spettattori, molte battute dei suoi personaggi sono diventati dei tormentoni della storia del cinema. Se pensiamo solo al Frankestein Junior e ai memoribili duetti con Igòr/ Marty Feldam. Icona e simbolo di un gruppo di sperimentatori della risata che negli 60'-70' trasformarono il modo di divertirsi degli americani. Wilder riuscì a riunire nel suo sguardo a prima vista malinconico e surreale, ma straripante nella vis comica, le doti di grande attore e la sagacia di un autore vero.   'Baciami come uno sconosciuto' è si l'autobiografia di Gene Wilder, ma soprattutto è un articolata passeggiata nei ricordi dell'artista, a tratti intima e sensibile, a tratti divertente e curiosa. Per certi versi meno ironica e comica di quanto si possa immagine pensando ai suoi personaggi.  C'è tutto il suo mondo, le sue amicizie nel mondo dello spettacolo, gli esordi, l'approccio alla recitazione con il metodo Stransberg, le difficoltà e la fortuna di aver preso il treno giusto per il successo. L'amicizia con il vulcanico Mel Brooks, e la strana coppia formata con un altro grande artista come Richard Pryor (alchima sono sul grande schermo). Ma in questa autobiografia c'è anchce il lato intimo dell'uomo di spettacolo. Le debolezze e i passi falsi della vita, l'incontro e il matrimonio con la seconda moglie, l'attrice Gilda Radner (star dello show Saturday night live), che purtroppo si ammalerà di cancro e morirà dopo pochi anni di relazione nel 1989. Sarà questo per Wilder, come racconta nel libro, uno dei momenti più difficili della sua vita e il motivo per cui negli anni 90' lascio pian piano le scene dedicandosi alla scrittura. Oltre ad una grave malattia, superata con successo, che colpi anche lui. Il racconto degli anni passati con  la Radner (Sagoma pubblica anche la sua autobiografia 'Ce n'è sempre una!') è sicuramente la parte del volume più denso e drammatico, uno dei momenti più intensi della confessione dell'artista, le contiue ricadute e il grande sforzo di Wilder di starle vicino, suscitano un grande sentimento di compassione nei confronti di un uomo che sulle scene aveva come unica missione quella di strappare un sorriso alla gente. Nel bene e nel male.  

INDICE

 Prefazione di Mel Brooks
Prologo
Primo moviemento
Poche parole possono cambiarti la vita?
"Prendimi"
Entra in scena il demone
Il mio cuore non è sulle Highlands
Uno yankee al'Old Vic
Sfumature di grigio
Don Giovanni a New York
Il momento peggiore, il momento migliore
Madre coraggio
Il sapore della libertà
Il re è morto. Lunga vita al re!
"Finalemnte libero, finalemente libero. Grazie Margie Willies. Sono libero finalmente"
Scusi se sono entrato mentre era con quella ragazza
Secondo movimento. Springtime for Hitler
Il nero è il mio colore preferito
Una ragione c'è, ma non so qual è
New York, New York
La nascita del mostro
La Petit Prince
Sherlock Holmes ha un fratello ebreo
Crisi in biano e nero
Leo Bloom si è fatto fotografare
Sidney Poiter ed io: nessuno ci può fermare
Hanky-Panky con Roseanne Roseannadanna
Non credo nel destino
Terzo movimento
Attrice comica-ballerina 1946-1989
Ce n'è sempre una!
Baci rubati
Epilogo
Ringraziamenti
Note biografiche
Indice analitico
Le Sagome