LIBRI DI CINEMA – “Orient (to) Express”, di Marco Dalla Gassa

I grandi cineasti europei che tra gli anni ’50 e ’70 si inoltrano ad Est, lungi dall’affermare la propria identità autoriale, si rivelano ambasciatori di un sguardo che cede a malintesi e stereotipi

--------------------------------------------------------------
CORSO ESTIVO DI CRITICA CINEMATOGRAFICA DAL 15 LUGLIO

--------------------------------------------------------------

ORIENT (TO) EXPRESS

--------------------------------------------------------------
CORSO ESTIVO DI SCENEGGIATURA (IN PRESENZA) DAL 24 AL 28 GIUGNO

--------------------------------------------------------------

Film di viaggio, etno-grafie, teoria d’autore

----------------------------
UNICINEMA QUADRIENNALE:SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

Di Marco Dalla Gassa

Edizioni Mimesis

 

 

 

“Nel passaggio dalla parola orale dei nativi o degli informatori alla traduzione scritta – o filmata – (nella lingua) degli osservatori si crea una voragine di senso per colmare la quale gli antropologi hanno proposto vari approcci e diverse metodologie di lavoro” (Marco Dalla Gassa).

Orient (to) express di Marco Dalla Gassa si colloca nello spazio polimorfo di quella voragine, nella quale si dipanano quesiti e questioni che arrivano al cinema investendo semiotica, linguistica, ricerca etnografica e psicologia.  Josef, Fritz, Pier Paolo, Louis, Michelangelo, Alain… Dalla Gassa li introduce chiamandoli per nome i “suoi” autori, individuando nell’ “uomo” il punto d’approdo del viaggio in Oriente. L’esperienza odeporica è dunque per Dalla Gassa teatro di riflessione sulla figura dell’autore, muovendo dagli antipodi de “la morte dell’autore” teorizzata da Roland Barthes in ambito letterario, contraltare del principio di autosufficienza della scrittura, alla politique des auteurs de Les Cahiers du cinéma che, condotta al parossismo, arriva a designare il critico cinéphile come “vero autore” del film.

Pur motivati da istanze differenti, i grandi cineasti europei che tra gli anni cinquanta e settanta si inoltrano ad Est, lungi dall’affermare la propria identità autoriale, si rivelano retrospettivamente ambasciatori di un sguardo “culturalmente segnato”; uno sguardo che cede a malintesi e stereotipi che si fanno – talora consapevolmente – metodo di lavoro. È infatti il metodo lo strumento esegetico attraverso cui l’autore tenta di uscire dalla crisi /passaggio in cui si consuma la dialettica interculturale, terreno ibrido ove il cineasta subisce il doppio ostracismo dalla terra da cui proviene, che lo esclude ma di cui è permeato, e l’Oriente che lo respinge dopo averlo attratto. La molteplicità dei possibili orient to express

approcci si traduce in altrettanti metodi coincidenti con i differenti rinnovati punti d’equilibrio in cui tenta di  collocarsi ciascuno degli autori isolati da Dalla Gassa: è la finzione per Ivens che in Io e il vento riprende un Esercito di terracotta… di souvenirs; ancora la finzione dell’arcaico nel Pasolini de Il fiore delle mille e una notte o il malinteso in Resnais nel dialogo tra gli amanti, “Tu non hai visto niente a Hiroshima, niente” / “Io ho visto tutto” […], solo per citare alcuni frammenti del vasto materiale di studio su cui lavora l’Autore.

Le “traiettorie analitiche dispersive e centrifughe” che guidano il testo di Dalla Gassa corrispondono quindi ad una precisa scelta stilistica: sono la metafora perfetta della frantumazione/ricostruzione dell’equilibrio – di cui il cineasta europeo si illude portatore – come esito naturale dell’esperienza di viaggio.

----------------------------
SCUOLA DI CINEMA TRIENNALE: SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative