Pietro Marcello vince con Bella e perduta il 39° Festival di Göteborg

Bella e perduta di Pietro Marcello ha vinto sabato scorso l’Ingmar Bergman Award al 39. Festival di Göteborg, il più importante appuntamento cinematografico scandinavo.

La giuria ha sottolineato, nella sua motivazione, “la splendida visione elegiaca del film, la sua generosità di spirito, la capacità di riaccendere la nostra fede nell’umanità in questi tempi di cinismo e di aggiornare il cinema”.

Pietro Marcello ha ritirato il premio insieme al protagonista del film, Sergio Vitolo:Sono molto orgoglioso –  – di ricevere, in un festival prestigioso del Nord Europa come quello di Göteborg, un premio intitolato ad uno dei più eminenti autori della storia del cinema, Ingmar Bergman. Bella e perduta è un progetto indipendente, realizzato con modi e tempi totalmente liberi, probabilmente il più complesso e prezioso dei miei lavori; è un film sui sentimenti dei semplici, sulle ingiustizie e sul rapporto tra uomo e natura. Siamo fieri di questo film perché possiede un’anima, non per nostro merito ma per l’energia intrinseca che detiene, per la sua umanità e per l’alchimia del paesaggio. Il ringraziamento va alla troupe, a Sara Fgaier che ha prodotto e montato il film, a Maurizio Braucci con cui è stato scritto, a Tommaso Cestrone, Sergio Vitolo e Gesuino Pittalis che ne sono gli attori, Elio Germano per la voce di Sarchiapone, e a tutti gli avventurosi che hanno creduto nel film. Ringrazio inoltre Rai Cinema, il nostro produttore associato Mario Gallotti, la Cineteca di Bologna e l’Istituto Luce che ci hanno supportato e che hanno reso possibile questo progetto”.