"Poetry", il nuovo Lee Chang-dong. Dolore e speranza

Poetry, di Lee Chang-dong – il trailer

---------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------


Esce a Maggio il nuovo lungometraggio di Lee Chang-dong: si chiama Poetry e come Mother del connazionale Bong Joon-Ho vede come protagonista un'attrice matura. Qui una donna che cerca per la prima volYoon Hee-Jeong nel poster di Poetry, di Lee Chang-dongta nella sua vita di comporre una poesia. Povera e malata di Alzheimer, vive con il nipote adolescente, che viene accusato di aver provocato indirettamente il suicidio di una compagna di scuola.

Come sempre nel corso della sua carriera Lee Chang-dong, un passato da romanziere, poi sceneggiatore e regista – Green Fish (1997), Peppermint Candy (2000) Oasis (2002) e Secret Sunshine (2007) – affronta temi forti e toccanti senza mai cadere nella retorica, tenendosi in bilico sul fragile equilibrio di sorriso e pianto, dramma e speranza.

Yoon Hee-Jeong, attrice veterana, interprete di centinaia di pellicole tra gli anni '60 e '70, mancava dal grande schermo dal 1994.

Poetry è stato realizzato grazie al supporto del PPP (Pusan Promotion Plan) insieme ad altri 30 titoli provenienti da 17 paesi. Al progetto coreano è stato assegnato il premio Kodak da 20.000 dollari.

La distribuzione internazionale è affidata a Fine Cut; possibile una proiezione al prossimo festival di Cannes.